ANCHE IN GIAPPONE PROBLEMI DI RESA

Granelli più piccoli, sottili e fragili, come si ravvisa anche in Italia. Consumo in ribasso

Tifoni, forti piogge e temperature elevate prolungate nell’estate del 2018 dovrebbero influenzare negativamente sia la resa che la qualità del riso prodotto in Giappone. Più o meno come sta avvenendo in Italia. Si prevede che la produzione di riso nell’annata agricola giapponese, infatti, sia inferiore al raccolto già ridotto dell’anno scorso (7,7 milioni di tonnellate) con un aumento dei quantitativi di cereale di cattiva qualità. Il raccolto è ancora in corso, quindi i numeri definitivi arriveranno tra qualche settimana. I dati sulla produzione di riso indicano una grande quantità di granelli di riso di dimensioni inferiori agli standard. L’area complessiva si attesta ad 1,56 milioni di ettari, con un cambiamento degli ettarati utilizzati per le diverse varietà.

L’andamento generale del raccolto è stabile, solo per Hokkaido (la seconda isola più grande del Giappone), sono previste rese molto basse a causa della mancanza di sole e delle basse temperature tra la metà di giugno e luglio. Da allora, tuttavia, condizioni meteorologiche anomale in tutto il Giappone (inclusi tifoni, piogge torrenziali e temperature elevate) hanno influito sulla maggior parte delle rese e della qualità del riso del paese. Temperature estreme prolungate quest’estate nella regione di Kanto hanno accelerato la maturazione del riso e hanno portato avanti il raccolto. Mentre si prevede che i rendimenti siano normali, si presume che il tempo abbia causato danni alla qualità del riso, portando a grani incrinati e più sottili. Inoltre, le forti piogge e la mancanza di sole da fine agosto nella regione del Tohoku (situata nella parte nord-orientale di Honshu) causano ritardi di maturazione e si prevede che i rendimenti siano inferiori rispetto allo scorso anno. Di conseguenza, le aspettative riguardo al raccolto sono ancora inferiori rispetto all’anno scorso, quando erano stati prodotti 7,7 milioni di tonnellate, con un aumento della percentuale di riso di scarsa qualità.

Il consumo di riso da tavola pro capite giapponese diminuisce di anno in anno. Con la riduziuone della popolazione del Giappone per il settimo anno consecutivo (nel 2017), il calo generale del consumo di riso da tavola continua. Inoltre, si ritiene che l’aumento dei prezzi del riso da tavola negli ultimi tre anni sia parzialmente responsabile di un’accelerazione del calo del consumo di riso, che continua ancora: il consumo totale di riso dovrebbe scendere a 8,67 milioni di tonnellate nell’annata agricola 2017/2018 e a a 8.6 mioioni di tonnellate per l’annata 2018/2019. Il consumo di riso da mangime è diminuito del 6% fino a 1,1 milioni di tonnellate nell’annata agricola 2016/2017.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI