ACCORDO BREXIT, RISOTTO SALVO

Cosa comporta l'accordo raggiunto tra Londra e Bruxelles
Brexit
Brexit

Accordo storico sul dopo-Brexit fra Gran Bretagna e Unione europea. Ieri sera è stato scongiurato il temuto «no deal». Londra e Bruxelles hanno concluso un Trattato di libero scambio che vale 700 miliardi l’anno. L’accordo raggiunto evita il ritorno ai dazi sulle merci e mantiene aperta la cooperazione in tema di criminalità e sicurezza, ma lascia fuori i servizi, che costituiscono la quota più rilevante di ciò che la Gran Bretagna «vende» all’Unione. I negoziati si erano incagliati sulla questione della concorrenza equa — in particolare sugli aiuti di Stato — e su quella della pesca nelle acque britanniche. Su entrambi i temi si è però trovato alla fine un compromesso che consente a Londra di divergere dalle regole europee (che è l’obiettivo ultimo della Brexit) e a Bruxelles di ottenere garanzie contro la competizione sleale. Per il riso non cambia nulla: si andrà avanti ad esportare senza dazi il riso da risotto nel Regno Unito, semmai Londra non potrà vendere nell’UE (probabilmente inclusa l’Irlanda del Nord che resta doganalmente UE) il Basmati che importa.

Categorie
InternazionaleRisicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI