UNA APP PER SALVARE IL SUOLO

Progetto finanziato dall'Unione europea per preservare la salute dei suoli

Negli ultimi 20 anni la produzione agricola è aumentata di tre volte per nutrire la crescente popolazione del pianeta. Ma per soddisfare la domanda, molti agricoltori hanno fatto affidamento su prodotti chimici, raccolti multipli e nuovi sistemi di drenaggio – misure che stanno danneggiando il suolo. Un processo che, se non sarà fermato, porterà ad un sempre maggior numero di terre che potrebbe essere privato dei  nutrienti. Vaste aree di suolo senza vita potrebbero mettere a repentaglio la capacità del pianeta di sostenere le colture, minacciando la nostra futura sicurezza alimentare. Per affrontare questo problema, il progetto iSQAPER, finanziato dall’UE, ha lanciato un’app mobile per informare gli agricoltori e i gestori di terreni su come preservare e migliorare la salute del loro suolo.

Una app per il suolo

Grazie all’app gratuita SQAPP, gli utenti possono inserire la loro posizione per scoprire le proprietà del suolo, quali l’acidità o l’alcalinità (pH) e le eventuali minacce che interessano la terra, inclusa l’erosione dell’acqua. L’app raccomanderà quindi misure per aumentare la qualità del suolo in quella specifica area, con consigli che vanno dai nuovi metodi di coltivazione alle tecniche di irrigazione. Il coordinatore del progetto, Luuk Fleskens, dell’Università di Wageningen nei Paesi Bassi ritiene che l’innovazione sia cruciale per il futuro dell’agricoltura: «Abbiamo praticamente raggiunto i limiti di produttività del nostro suolo. Coltivarlo in modo ancora più intenso non sarebbe privo di impatti ambientali significativi. Abbiamo bisogno di trovare modi di agricoltura più intelligenti che siano più sostenibili dal punto di vista ambientale».

Per migliorare il terreno

Partecipanti sono i  Paesi Bassi (Coordinatore), Belgio, Svizzera, Portogallo, Spagna, Regno Unito, Italia, Polonia, Estonia, Slovenia, Romania, Grecia, Cina, Ungheria e Francia. Mentre esistono già diverse app per il suolo, sono le raccomandazioni su misura e convenienti di SQAPP che la rendono particolarmente innovativa. Il software genera anche un punteggio percentuale che valuta il potenziale di miglioramento del suolo. Per raggiungere questi obiettivi, i ricercatori del progetto hanno analizzato enormi quantità di dati, confrontando terreni coltivati con modalità analoghe, in climi simili. Inserendo il terreno di una zona in un contesto globale, sono stati in grado di esaminare le tecniche di gestione che hanno reso il suolo più sano di altri. L’immissione di queste informazioni nell’app consente agli agricoltori di accedere immediatamente alle informazioni su come migliorare il loro suolo. Gli utenti dell’app possono anche inserire dati sul proprio terreno da aggiungere alla banca globale di conoscenze del progetto.  SQAPP non solo aiuta i gestori di terreni a migliorare la qualità del loro suolo nel lungo termine, ma li aiuta anche a rimanere competitivi in ​​un mercato globale, poiché il miglioramento della qualità del suolo migliora simultaneamente la qualità di ciò che produce. Ad oggi, SQAPP è stato scaricato da oltre 600 persone, da Paesi Bassi, Cina, Messico, Stati Uniti ed Estonia. (HAI SCARICATO LA APP AGRIHELP PER TENERTI IN CONTATTO CON I TECNICI DI CAMPAGNA? È GRATIS PER ANDROID E IPHONE)

Categorie
Non solo riso
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI