SOFFRE ANCHE IL DELTA

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailIl raccolto del riso ferrarese supera appena il 60-65%: ritardo eccezionale anche nel Delta del Po. Preoccupato Massimo Piva, presidente del Gruppo di interesse economico Cereali di Cia Emilia-Romagna,...

Riso-3Il raccolto del riso ferrarese supera appena il 60-65%: ritardo eccezionale anche nel Delta del Po. Preoccupato Massimo Piva, presidente del Gruppo di interesse economico Cereali di Cia Emilia-Romagna, associato a Cia Ferrara e risicoltore di Jolanda di Savoia che spiega: «Il primo dato rilevante di questa campagna risicola è quello del ritardo nella mietitura del prodotto, oltre un mese, frutto degli slittamenti delle semine primaverili e di un andamento climatico fortemente penalizzante. Come sappiamo l’eccesso di precipitazioni primaverili ha letteralmente impedito ai risicoltori di entrare nelle risaie, poi è arrivato il caldo torrido di luglio che, anziché accelerare lo sviluppo vegetativo delle piante, ne ha rallentato la crescita. Il brusco calo delle temperature a fine settembre e un autunno umido e piovoso hanno completato questo ciclo sfortunato che farà ultimare la mietitura almeno a metà novembre. Nel frattempo stiamo già facendo i conti con rese quantitative non certo soddisfacenti. Parliamo di cali produttivi medi che si aggirano attualmente attorno al 15-20%, ma non escludo che possano esserci, a mietitura conclusa, flessioni maggiori». Il problema, osserva Il Resto del Carlino, il quale, come la Nuova Ferrara, ha dedicato un ampio servizio all’argomento, riguarda soprattutto i risi seminati tardivamente che non sono riusciti a ultimare la maturazione e questo li sta compromettendo anche in fase di lavorazione, a livello qualitativo. «Se in un primo momento, infatti, la qualità era sembrata eccellente – continua Piva – adesso stiamo mietendo risi verdi, con un alto grado di umidità che sono a rischio qualità. In questa campagna risicola fortemente al di sotto delle aspettative – commenta – l’andamento dei prezzi di mercato pagati attualmente è, invece, decisamente buono. Dopo il forte calo dei prezzi e il mercato altalenante del periodo estivo è una boccata d’ossigeno. Parliamo di 45 euro al quintale pagati per il Baldo di buona qualità, con rese da 60 in avanti; di quasi 50 euro per Arborio-Volano e Carnaroli – Karnak con rese di 58-60 e di 30 euro per un riso Comune, utilizzato perlopiù ad uso industriale». Unica nota dolente è il prezzo del gruppo Indica, il tipico riso lungo, che scende a 25 euro dopo essere arrivato a punte di 32-33 euro al quintale, a causa dell’abbassamento dei dazi doganali che stanno facendo stagnare i prezzi. (5.11.13)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI