Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

SCOTTI CONQUISTA LA ROMANIA

da | 17 Giu 2013 | Riso in cucina

Si chiamer… "Bob cu Bob", cioŠ "Chicco per chicco". E’ il nuovo riso prodotto da Scotti in Romania. Noi non lo assaggeremo, a meno che non ci capiti di pranzare a Bucarest e dintorni. L’azienda pavese, infatti, ha deciso di coltivare e lavorare il riso in Romania, per conquistare il mercato dell’Europa Orientale, dell’ex Urss e della Turchia. Il Progetto Danubio Š stato presentato la scorsa settimana nella capitale rumena. Noi di Risoitaliano eravamo presenti: Dario Scotti (nella foto), presidente dell’omonino gruppo risiero ha schierato l’intero management per illustrare l’operazione, che gli coster… 25 milioni di euro ma gli permetter… di creare il terzo polo risicolo d’Europa, dopo Italia e Spagna. L’imprenditore italiano del riso, infatti, ha deciso di acquistare e coltivare 10.000 ettari di terreno nella zona sudorientale, quella che porta al Delta del Danubio e al mar Nero. Le vie d’acqua permetteranno al riso prodotto da Scotti di raggiungere tutti i paesi dell’area. La Romania era una nazionale molto forte in questo settore ma dall’89 i campi di riso sono spariti e l’impresa italiana ha deciso di investire per ripristinare le coltivazioni. Il paese orientale pu• arrivare a coltivare fino a 100.000 ettari di risaia, posizionandosi subito dopo l’Italia e la Spagna nella graduatoria dei produttori europei. Per Scotti, quest’operazione potrebbe significare il grande salto: oggi Š un gruppo italiano presente su una cinquantina di mercati stranieri, mentre il Progetto Danubio lo trasformer… in un importante gruppo internazionale. Il riso rumeno rispetter… gli stessi standard del prodotto italiano, perch‚ gli stabilimenti rumeni riproporranno strutture, tecnologie e metodi utilizzati a Pavia per lavorare il nostro cereale. La novit… Š rappresentata anche dal fatto che l’industriale italiano si trasforma in agricoltore: i suoi tecnici stanno formando il personale rumeno che ritorner… quindi alla risicoltura sulle orme della "scuola italiana". Al termine di questi investimenti, arriveranno sul mercato rumeno e orientale le confezioni di "Bob cu Bob": costeranno poco meno di un euro e faranno concorrenza al riso d’importazione, soprattutto egiziano, che presenta standard di qualit… nettamente inferiori a quello che la Scotti proporr… ai rumeni. Le variet… offerte saranno tonde e lunghe, da minestre e contorni, perch‚ questi sono gli utilizzi prevalenti del riso in quell’area geografica. Il mercato di quel Paese Š considerato molto promettente dagli analisti della casa pavese: oggi infatti, malgrado la crisi economica, i rumeni consumano circa 4,5 chili di riso pro capite all’anno. Quasi quanto gli italiani.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla Privacy - WhatsApp

Cliccando "Accetto le condizioni" verrà conferito il consenso al trattamento dei dati di cui all’informativa privacy ex art. 13 GDPR. *

* Campo obbligatorio