Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

ROTTURE THAI IN CALO

da | 20 Giu 2021 | Internazionale

In Thailandia, come spiega il notiziario specializzato The Rice editod a Gaotrade, il riso spezzato Wrlg 5% è sceso a 468 dollari la tonnellata della scorsa settimana Fob Bangkok in sacchi da 50 chili.

L’aumento dei prezzi del carburante ha fatto aumentare i costi dei trasporti, e questo ha reso difficile per gli esportatori anche assicurarsi le navi container per traghettare il carico.

Secondo gli operatori commerciali locali, la domanda d’oltremare è rimasta bassa a causa dei prezzi elevati, mentre un aumento previsto dell’offerta nella seconda metà del 2021 potrebbe abbassare i prezzi attuali.

In realtà i venditori sono pronti a vendere Fob, ma tutte le tariffe di trasporto internazionali sono aumentate drasticamente negli ultimi 6 mesi e il valore finale del riso, che include anche i traporti, è di conseguenza aumentato. Per questo una nave da 30.000 tonnellate dall’India all’Africa occidentale è passata da 40 dollari la tonnellata a 120 dollari.

Le tariffe dei container dall’India orientale al Benin Africa occidentale passano da 80-90 dollari la tonnellata (2000 dollari per un container da 20 piedi per 25 tonnellate di riso) a 4500 dollari (180  dollari  la tonnellata).

Aumento dei prezzi e la strategia della Cina

L’aumento dei  prezzi del mais sta inducendo la Cina a liberarsi del riso conservato come sorte statali per venderlo ai produttori di mangimi, allo scopo di sostenere l’offerta di cereali da foraggio. Circa 2 milioni di tonnellate di riso sono state cedute questa settimana, secondo le informazioni raccolte da tre fonti. Il riso verrebbe venduto attraverso imprese statali direttamente ai produttori di alimenti. La Cina vende anche regolarmente riso da stock nelle aste, parte del quale viene ceduto ai produttori di mangimi. Dall’inizio dell’anno, ha messo all’asta circa 4 milioni di tonnellate di grano e 1,4 milioni di tonnellate di riso ogni settimana. A metà marzo, la Cina ha annunciato il suo desiderio di ridurre la sua dipendenza da mais e farina di soia nell’alimentazione animale e di sostituirli con cereali alternativi come il riso o il grano.

Il riso e le scorte di grano della Cina sono entrambi a livelli storicamente alti e possono soddisfare la domanda dei consumatori per più di un anno, ha affermato Qin Yuyun, capo della divisione delle riserve dell’amministrazione alimentare nazionale, cibo e riserve strategiche.(Fonte: Gaotrade)