Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

BASTA RISO SOTTOCOSTO!

riso sottocosto

L’Associazione Valenciana degli Agricoltori (Ava-Asaja) ha presentato una denuncia all’Agenzia per l’Informazione e il Controllo degli Alimenti (Aica) affinché questo organismo, che fa capo al Ministero dell’Agricoltura, indaghi se la catena di distribuzione Aldi stia vendendo in perdita o distruggendo la catena alimentare nella vendita di riso e arance. (Ma c’è una novità)

LEGGI L’ARTICOLO QUI.

RISO TONDO A 1,09 EURO

Da un lato, l’organizzazione presieduta da Cristóbal Aguado denuncia una promozione di Aldi che offre riso tondo a 1,09 euro al chilo, dopo aver applicato uno sconto del 12%. Nella sua denuncia, afferma che si tratta di un prezzo in perdita, perché questo livello di remunerazione non copre tutti i costi di produzione dei diversi agenti coinvolti nella catena del valore.

Allo stesso modo, l’associazione avverte il Ministero regionale dell’Industria, tramite un reclamo, che l’etichettatura del riso indica solo il distributore (Agrovert, S.L. con sede ad Almàssera, Valencia) ma non il Paese di origine. Chiede quindi alla Generalitat di chiarire se vi sia un’inosservanza della normativa vigente in materia di identificazione del Paese di origine del prodotto. Il responsabile del settore riso del sindacato, José Pascual Fortea, afferma come sia chiaro che questa etichetta genera confusione nei consumatori, che non possono sapere se il prodotto che stanno acquistando è europeo o extraeuropeo. Anche l’immagine ripetuta su entrambi i lati della confezione di due contadini con il lavoro e l’abbigliamento tradizionale della coltivazione del riso nell’Albufera di Valencia durante il XX secolo genera confusione sulla presunta origine valenciana del riso, che in ogni caso non è confermata.

CHI PERDE DENARO? RISO SOTTOCOSTO

Fortea aggiunge che se si tratta di riso europeo, con questo prezzo al dettaglio, qualche anello della catena (produttore, confezionatore o distributore) perde denaro. E se si tratta di riso proveniente da Paesi terzi, come il Myanmar o la Cambogia, cosa più probabile, si cerca di nascondere e addirittura ingannare il consumatore sull’origine del prodotto. L’Unione Europea sta incoraggiando un aumento delle importazioni di riso asiatico senza reciprocità, che attualmente sta causando un rallentamento degli acquisti e mettendo a rischio la redditività dell’ultima stagione.
Puoi seguirci anche sui social: siamo presenti su facebookinstagram e linkedin. Se vuoi essere informato tempestivamente delle novità, compila il modulo newsletter e whatsapp presente in home page. Se vuoi leggere ricette e notizie sul riso in cucina trovi tutto su http://www.risotto.us e se vuoi comprare dell’ottimo riso in cascina collegati a http://www.bottegadelriso.it
riso sottocosto

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla Privacy - WhatsApp

Cliccando "Accetto le condizioni" verrà conferito il consenso al trattamento dei dati di cui all’informativa privacy ex art. 13 GDPR. *

* Campo obbligatorio