RISAIE ALLAGATE: I DANNI IN LOMBARDIA

La resa dei conti per la Lombardia dopo le violenti alluvioni
Alluvione Rosasco
Alluvione Rosasco

È tempo della conta dei danni anche in Lombardia, dopo le violenti alluvioni che si sono abbattute sul territorio, specie in alcune aree. I danni rilevanti sono nelle aree risicole, dove la stima dei danni alle aziende agricole di Coldiretti Pavia colpite dall’alluvione del Sesia supera il milione di euro.

Alluvioni in Lombardia: cosa sta succedendo nelle risaie

«I nostri tecnici si sono subito mobilitati per fornire assistenza alle imprese colpite» spiega Stefano Greppi, presidente di Coldiretti Pavia e risicoltore di Rosasco.

«Dai loro rilevamenti sul territorio è emerso un quadro molto pesante. La piena, infatti, ha determinato gravi danni nel tratto terminale prima della confluenza con il Po: tra Palestro, Rosasco e Langosco sono stati centinaia e centinaia gli ettari di terreno allagati, con una ventina di nostre aziende agricole coinvolte». Ingenti le perdite di raccolto là dove il riso non era ancora stato raccolto e dove l’acqua ha sommerso quasi completamente le piante: in molte zone è stato impossibile procedere alla mietitura, mentre in altri casi c’è stato un danno alla qualità del poco raccolto sopravvissuto alla furia dell’acqua. Ma non c’è solo il riso.

«Anche altre colture hanno riportato danni pesanti, dalla soia ai pioppeti» spiega ancora il Presidente di Coldiretti Pavia «Abbiamo stimato in 750 mila euro i danni riportati dalle colture, a cui vanno aggiunti 60 mila euro di danni ai terreni e 25 mila euro per le strutture e i macchinari aziendali rovinati». A questi vanno anche sommati i danni riportati dalla rete irrigua e dalle strade.

«L’abbiamo già detto, ma lo ribadiamo ancora una volta: serve un’azione rapida da parte delle istituzioni» dice Stefano Greppi «Gli agricoltori non possono permettersi di aspettare troppo tempo per vedersi risarciti i danni pesantissimi che hanno subito. Ringraziamo l’Assessore regionale Rolfi e il Ministro Bellanova per aver subito accolto la nostra richiesta di massima attenzione alla situazione».

Primi interventi nelle risaie lombarde

Alberto Lasagna, direttore di Confagricoltura Pavia, comunica: «Alcune aziende hanno iniziato i primi lavori di sistemazione dei fondi mentre per le opere infrastrutturali si stanno valutando modalità e tempistiche. Confidiamo che arrivino quanto prima i ristori per i danni patiti e soprattutto non vi siano complicazioni burocratiche ma siamo certi che con il riconoscimento dell’evento calamitoso si possano prevedere dinamiche semplificate sia per il ripristino dei danni che per l’assegnazione dei fondi a risarcimento dei danni. Ove possibile è stato parzialmente raccolto il reso sommerso con notevoli difficoltà operative e con una pesante compromissione sia dei quantitativi che della qualità finale del prodotto e conseguenti ingenti perdite economiche».

Di seguito una tabella riepilogativa dei danni patiti dalle aziende associate a Confagricoltura Pavia suddivise per tipologia di danno.

AZIENDA Colture Infrastrutture fabbricati ecc. Terreni costo ripristino Strade Rete irrigua
Totali per ambito Aziende associate Confagricoltura Pavia € 893.463,00 € 214.187,00 € 227.600,00 € 86.400,00 € 193.790,00
Totale complessivo € 1.615.440,00

 

Autore: Milena Zarbà

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram, TwitterLinkedin 

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI