PUBBLICATO IL REGOLAMENTO SUI RESIDUI DI TRICICLAZOLO

Passano solo le deroghe per il raccolto 2016 e per il Basmati. Respinte le pressioni cambogiane

E’ stato pubblicato il regolamento che fissa il nuovo limite massimo di residuo di triciclazolo nel riso lavorato: 0,01 mg/kg contro l’attuale 1 mg/kg (SCARICA IL REGOLAMENTO). Ne dà notizia l’Ente Nazionale Risi secondo cui «tutto il riso che presenterà un LMR superiore non potrà essere commercializzato» e fa eccezione «il riso immesso sul mercato prima del 30 giugno 2017 (quindi tutto il raccolto italiano 2016 e degli anni precedenti poiché il risone raccolto e immagazzinato è considerato immesso sul mercato ai sensi dell’articolo 3, punto 8, del regolamento CE n.178/2002) e il Basmati immesso sul mercato fino al 31 dicembre 2017, per i quali vale il LMR precedente (1 mg/kg)». Sono state respinte dunque le pressioni della Cambogia, che aveva cercato di fermare il provvedimento (LEGGI L’ARTICOLO). Sulla commercializzazione del risone italiano raccolto entro il 2016 è tuttora aperta la questione dello stoccaggio separato, sollevata dall’Airi (LEGGI L’ARTICOLO), criticata dagli agricoltori e difesa invece dai mediatori di Medi@rice.

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI