PRIME TERRE PUBBLICHE IN VENDITA

Si inizia con ottomila ettari. Sul sito Ismea disponibili le informazioni
È partita ufficialmente dal 5 dicembre la vendita di 8 mila ettari della Banca nazionale delle terre agricole pronti a essere coltivati. Si tratta dei primi lotti di un intervento da più di 20 mila ettari destinati soprattutto ai giovani che vogliono fare agricoltura. Per la Cia-Agricoltori Italiani è un successo e un traguardo raggiunto, visto che la concessione di terreni agricoli pubblici è una proposta portata avanti con forza insieme all’Agia, già dal 2010, con la Banca della terra. Il via libera alla vendita è stato dato da Mipaaf e Ismea, che hanno spiegato funzionalità e ubicazione dei terreni. Sul sito di Ismea sono disponibili tutte le informazioni per trovare i terreni, suddivisi per regione: dalla posizione alle caratteristiche naturali, le tipologie di coltivazioni e i valori catastali. Gli utenti possono consultare la Banca anche per grandezza dei terreni disponibili, potendo così fare ricerche più mirate alle esigenze produttive.La procedura prevede: 1) da dicembre manifestazione d’interesse per uno o più lotti sul sito della Banca della Terra; 2) da febbraio procedura competitiva a evidenza pubblica tra coloro che hanno manifestato interesse. Fonte: Cia Lombardia
Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI