Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

PREZZI GLOBALI IN AUMENTO

da | 18 Nov 2021 | Internazionale

L’Indice dei prezzi cerealicoli della FAO ha registrato in ottobre una media di 137,1 punti, un aumento di 4,3 punti (3,2 %) rispetto a settembre e di 25,1 punti (22,4 %) rispetto al livello di un anno fa. I prezzi internazionali di tutti i principali cereali sono aumentati di mese in mese. Lo riporta il rapporto settimanale The Rice, edito da Gaotrade. Secondo la Fao inoltre, supponendo condizioni di crescita normali, si prevede che la produzione mondiale di riso crescerà  dell’1,0% nel 2021, raggiungendo il massimo storico di 519,1 milioni di tonnellate (base lavorata). Dovrebbe essere l’Asia a sostenere questa crescita, in quanto il forte supporto governativo al settore nella regione potrebbe attenuare la pressione derivante da costi di produzione più elevati e dalla maggiore concorrenza di altre colture.

Si prevede che anche i paesi dell’Africa occidentale e l’Australia produrranno di più, mentre le condizioni climatiche sfavorevoli o i margini meno interessanti causeranno probabilmente una stagnazione o una contrazione della produzione altrove. Si prevede che il commercio mondiale di riso aumenterà del 5,6% nel 2021 fino a 48,0 milioni di tonnellate. La ripresa degli acquisti asiatici e la forte domanda di importazioni dall’Africa sembrano sostenere l’espansione sul fronte delle importazioni, mentre sul fronte dell’offerta, gran parte della crescita dovrebbe riferirsi a un’espansione delle vendite indiane. Una limitata crescita del commercio globale è prevista per ora anche per il 2022, poiché la continua forte domanda dall’Africa e dal Vicino Oriente potrebbe non essere sufficiente a compensare una riduzione degli acquisti in Estremo Oriente.

Record nell’utilizzo del riso nel mondo

L’utilizzo di riso nel mondo dovrebbe raggiungere il livello record di 520,6 milioni di tonnellate nel 2021/22, con un aumento dell’1,4% rispetto all’anno precedente, principalmente a causa dell’espansione dell’uso alimentare, ma anche dell’aumento dell’uso per i mangimi. Ad un livello previsto di 184,6 milioni di tonnellate, le scorte globali di riso alla chiusura delle campagne 2021/22 sono viste solo marginalmente al di sopra dei loro livelli iniziali, poiché gli accumuli nei principali esportatori di riso, così come in Bangladesh e in Indonesia, potrebbero essere ampiamente compensati da un’altra riduzione in Cina. Scorte finali 2020/2021 previste a 184 milioni di tonnellate (stesso livello dell’anno scorso). L’indice FAO dei prezzi del riso ha registrato una media di 110,6 punti nel maggio 2021, in calo di appena dello 0,7% rispetto a dicembre, ma inferiore del 4,5% rispetto al valore dell’anno precedente.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

* Campo obbligatorio