L’EREDITA’ DI EXPO: DIFENDIAMOCI ALL’ESTERO !

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailL’Expo continua. Nel senso che i dibattiti, le notizie, gli accordi raggiunti all’esposizione devono essere sviluppati ora nella quotidianità del mercato. Ci sta provando la Coldiretti, insistendo su alcuni...

coldirettiL’Expo continua. Nel senso che i dibattiti, le notizie, gli accordi raggiunti all’esposizione devono essere sviluppati ora nella quotidianità del mercato. Ci sta provando la Coldiretti, insistendo su alcuni concetti a lei cari, come quello della lotta all’agropirateria, che riguarda anche il nostro riso. L’ha dimostrato il meeting svoltosi il 30 ottobre a palazzo Coldiretti per salutare l’Esposizione Universale e celebrare il cereale più consumato al mondo, rappresentativo anche dell’equilibrio che esiste nell’attività agricola la quale svolge un ruolo multifunzionale per garantire sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale. Autorevolmente rappresentato all’evento anche il Piemonte con i presidenti Paolo Dellarole e Federico Boieri, i direttori Marco Chiesa e Giancarlo Ramella e i dirigenti delle Federazioni di Vercelli-Biella e Novara-Vco. «Il Piemonte è tra le cinque regioni, insieme a Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Sardegna, che spicca per la produzione di riso. La nostra risicoltura rappresenta l’identità socioeconomica e la tradizione in particolare dei territori novaresi e vercellesi – ha spiegato Delia Revelli presidente di Coldiretti Piemonte a commento della manifestazione ad Expo – La coltivazione del riso è altresì importante per l’ambiente: la risaia, infatti, riproduce un ecosistema acquatico temporale e contribuisce anche alla prevenzione degli alluvioni». I dati piemontesi del settore sono importanti: la superficie coltivata è di 70 mila ettari e sono oltre mille le aziende sul territorio. La produzione complessiva è di oltre 5 milioni di quintali e la produzione lorda vendibile ammonta a 200 milioni di euro.  «A penalizzare le potenzialità del riso italiano è la mancanza di trasparenza sull’ origine con il rischio che venga spacciato come italiano quello proveniente dall’estero. E’ di sole poche settimane fa il caso del ‘Roerback risotto’, il riso saltato in padella olandese spacciato per la varietà Arborio – ha ricordato Antonio De Concilio direttore di Coldiretti Piemonte – E’ necessario, quindi, rendere obbligatoria una normativa, da esportare anche in Europa, sull’etichettatura d’origine per i risi italiani, oltre a costruire e registrare un marchio specifico delle nostre varietà storiche Carnaroli ed Arborio per evitare imitazioni sui mercati internazionali. Coldiretti porta avanti queste battaglie per salvaguardare la salute dei consumatori e preservare l’immagine d’eccellenza del nostro patrimonio Made in Italy». (03.11.2015)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI