IRRI: SBAGLIATE LE STIME SUI RACCOLTI

L'istituto di ricerca mette sotto accusa i modelli matematici e evidenzia il rischio di minori rese

raccoltoUna ricerca recentemente presentata nella rivista Nature Scientific Reports, all’indirizzo internet  Nature Scientific Reports, afferma che i modelli sulle previsioni dei raccolti di riso forniscono stime inaccurate sulle proiezioni in caso di cambiamenti climatici: questo potrebbe significare che  le valutazioni sulle stime riferite alle rese possono scendere molto al di sotto dei livelli attesi. Quindi c’è il rischio che non si riesca a soddisfare il consumo globale, pari a metà della popolazione mondiale. Inoltre i risicoltori potrebbero non ottenere le rese che si attendono se i modelli scientifici dei raccolti fossero poco accurati. L’informazione è stata diffusa sul sito dell’Irri, l’istituto di ricerca internazionale con sede nelle Filippine. I modelli matematici per i raccolti forniscono infatti delle rappresentazioni che aiutano a valutare le rese in condizioni di tempo atmosferico e di suoli diversi, in modo da valutare le pratiche agronomiche da mettere in campo. Lo studio è stato condotto dall’istituto di Fisica atmosferica dell’Accademia cinese delle scienze, la Fondazione cinese per le scienze naturali, dallo stesso Irri, dall’Università agricola cinese e dal Centro Agroforestale mondiale: il problema è verificare se i modelli studiati finora possano essere davvero accurati, oppure se bisogna rivederli in modo da proporre valutazioni più precise. Per rispondere a questa domanda il gruppo di studiosi ha raccolto informazioni tecniche sul tiso da 775 prove in Cina, India, Bangladesh, Filippine e Tailandia. Le prove hanno coinvolto 19 varietà, coltivate con temperature differenziate, simili a quelle dei futuri scenari climatologici.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI