IL RISO DAL CAMPO ALLA TAVOLA

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailC’è un capitolo che permette – sempre e inconfondibilmente – di individuare un libro sul riso scritto da chi pesta veramente la risaia. Il capitolo delle ricette. Che ti...

LIBROMASOTTIC’è un capitolo che permette – sempre e inconfondibilmente – di individuare un libro sul riso scritto da chi pesta veramente la risaia. Il capitolo delle ricette. Che ti propone, in genere, le più innovative, le più creative, le più fusion… No, “Il Riso. Dal campo alla tavola” di Massimiliano Borgia, giornalista e scrittore, e Valentina Masotti, food blogger esperta in riso, appena uscito per Neos Edizioni e in vendita a 27 euro apre quel capitolo strategico parlandoti della Panissa alla Vercellese e della Paniscia alla Novarese. Basterebbe questo per incamminarsi serenamente in questo viaggio nel mondo del riso, nei suoi paesaggi magici e nelle sue tradizioni, che gli autori ci propongono. Un viaggio che inizia con il contributo di Aldo Ferrero, docente di agronomia presso l’Università di Torino e Sonia Peronaci, ideatrice e autrice di Giallozafferano.it, e che mescola sapientemente tecnicismi legati al chicco del riso e alla sua coltura con riflessioni e curiosità del mondo risicolo e della cultura legata al riso, senza tralasciare cenni storici ed effetti sociali ed economici. Ecco cosa dicono di quest’opera. «Non il libro tecnico, comprensibile solo agli addetti ai lavori, e nemmeno una generica pubblicazione per dire che il riso fa bene. Dal campo al piatto, si compie un viaggio appassionato e ricco di scoperte inedite che accompagnano il lettore verso informazioni chiare e semplici, senza tralasciare informazioni agronomiche e riferimenti alle normative vigent»i. (Aldo Ferrero) «Quando ho creato Giallozafferano.it, non ho potuto evitare di inserire sul portale numerose ricette con il riso, convinta che sia un ingrediente poliedrico e versatile […] Questo libro può assolutamente essere una valida guida per chi ha voglia di saperne di più e capire perché mangiare o utilizzare una varietà di riso rispetto a un’altra. Vi sembra poco?» (Sonia Peronaci)

Massimiliano Borgia, giornalista specializzato in ambiente e alimentazione. Scrittore saggista, ha pubblicato diverse, fra le quali: Le risaie del vercellese. Guida alla storia e alla natura delle terre d’acqua (Gs Editrice, 2002) Fiumi senz’acqua. La situazione in provincia di Torino, (Legambiente Piemonte, 2006). Con Neos edizioni ha pubblicato Le patate della montagna torinese, (2007); Il canto della rana. Un naturalista torinese tra Torino e il Madagascar, (2012). Presiede l’associazione culturale Pensare il Cibo.

Valentina Masotti, food blogger, laureata in Scienze della Comunicazione, ha sempre coltivato la passione per l’enogastronomia. Ha conseguito il diploma di Sommelier con Fisar e ottenuto il titolo di Giudice qualificato di analisi sensoriale applicata al riso con il Centro studi assaggiatori di Brescia. Con la nascita del suo food blog “Ricette e Racconti” ha unito la passione per il cibo con le competenze in ambito web e comunicazione: da qui sono nate collaborazioni con altre testate web e cartacee, ma anche l’organizzazione e promozione di eventi di natura “food”. È consulente marketing e comunicazione per un’azienda sementiera che costituisce e commercializza nuove varietà di riso da seme e risi speciali da consumo per il mercato internazionale. (10.11.2015)

Categorie
RisicolturaRiso in cucina
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI