L’IRAN SBLOCCA L’IMPORT DI RISO, ESULTA IL BASMATI

...
gallo-basmatiIl governo dell’Iran ha confermato di aver eliminato il bando alle importazioni di riso a partire dal mese di novembre: la notizia è stata diffusa dall’agenzia Bloomberg. Lo stop all’import risaliva a un anno fa, ed era stato motivato da un eccesso di produzione e dalla presenza di riserve adeguate. Il presidente e amministratore delegato dell’Azienda di Stato per il commercio (GTC) ha confermato che la misura è stata decisa il 23 ottobre, e che è già stata indetta un’asta per l’acquisto di cereale sui mercati internazionali. «Abbiamo prolungato il bando durante la stagione produttiva: ora che il raccolto è concluso il bando è stato automaticamente rimosso». Lo scopo dell’azienda di Stato, ha aggiunto, è quello di mantenere riserve strategiche di tutti i tipi di cereali, tra cui il riso. L’Iran è uno dei principali acquirenti di riso Basmati: assorbe circa un terzo dell’export indiano. La decisione della GTC dovrebbe portare ad un aumento della domanda, con conseguenze positive per gli esportatori e i produttori indiani, alle prese con prezzi in discesa e scarsa domanda. La notizia ha già suscitato reazioni positive: le quotazioni delle aziende indiane nel settore risicolo sono aumentate immediatamente tra il 10 e il 20%. (10.11.2015)
Categorie
InternazionaleRisicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI