Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

IGP SENZA VARIETA’?

da | 10 Ago 2005 | Riso in cucina

Si Š celebrata a Torino la scorsa settimana la seconda tappa della procedura per il riconoscimento dell’"Igp Valle del Po" (nella foto, il logo) al riso prodotto nelle province di Alessandria, Novara, Lodi, Milano, Pavia e Vercelli. Dopo l’audizione del 2 settembre che ha chiamato a raccolta produttori e privati per la necessaria "manifestazione di interesse", il 5 mattina, alla presenza del Comitato promotore, la dottoressa Mariella Gimondo, la funzionaria regionale piemontese incaricata di istruire la relativa pratica, ha ricevuto i rappresentanti degli Enti, delle industrie di trasformazione e delle associazioni. Nella riunione Š emerso un problema relativo alle variet… di risone indicate nel disciplinare. Ce ne parla il dottor Andrea Desana, del Comitato promotore: "Le variet… di riso – spiega – soffrono di instabilit… genetica, nel senso che dopo un certo periodo decadono. Da questa constatazione, deriva la necessit… di cancellare dal disciplinare le indicazioni varietali perchŠ, nell’impossibilit… di nuove aggiunte, il loro elenco sarebbe troppo vincolante nel caso di decadenza". A "Igp" ottenuta, in partenza si potranno fregiare dell’Indicazione circa 500 mila tonnellate di risone, per arrivare al milione nel corso del tempo. La prossima tappa dell’iter sar… l’audizione ministeriale, presumibilmente a gennaio.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla Privacy - WhatsApp

Cliccando "Accetto le condizioni" verrà conferito il consenso al trattamento dei dati di cui all’informativa privacy ex art. 13 GDPR. *

* Campo obbligatorio