I CONSUMI DI RISO CRESCERANNO

Un rapporto Fao-Ocse rivela che aumenteranno in Europa
Da qui al 2029 l’Europa consumerà sempre più riso: lo afferma un rapporto stilato dalla Fao e dall’Ocse, sulle prospettive del settore agricolo mondiale nei prossimi dieci anni. Per l’Europa a 28 stati previsto un aumento del consumo pro capite dagli attuali 6,4 kg/anno a 6,7 kg/ anno; ancora lontani dai livelli di Africa, Asia, e America Latina, ma in controtendenza rispetto alla diminuzione prevista per il resto del mondo, eccetto l’Africa. Un capitolo dell’ampio studio è naturalmente dedicato al riso, cereale che resta una delle commodity essenziali per il sostentamento di gran parte della popolazione mondiale. «Il riso è ampiamente coltivato in tutto il mondo -si legge -, principalmente come coltura annuale, anche se può sopravvivere come perenne. Viene coltivato prevalentemente in condizioni di sommersione, in quanto ciò facilita la fertilizzazione e riduce l’incidenza di erbe infestanti e parassiti. La maggior parte della produzione globale di riso si trova in Asia, con molti paesi della regione che coltivano più di un raccolto per stagione. Più della metà della produzione globale di riso è concentrata in Cina e in India. Il percorso dei sistemi di produzione nei paesi asiatici in via di sviluppo influenza in larga misura i mercati globali. L’aumento dei rendimenti nei paesi asiatici ha un impatto significativo sull’aumento della disponibilità globale e degli scambi. Si prevede che la produzione globale di riso raggiungerà i 582 milioni di tonnellate nel 2029. L’Asia dovrebbe contribuire alla maggior parte della produzione globale aggiuntiva, pari a 61 milioni di tonnellate, in aumento nel periodo di previsione. La crescita più alta è prevista in India, il secondo produttore mondiale di riso. Si prevede che l’incremento di produzione in questo paese sarà sostenuto da miglioramenti della resa supportati da misure politiche che promuovono l’uso di nuove varietà di sementi e l’espansione e la manutenzione degli impianti di irrigazione. Il mantenimento del prezzo minimo di sostegno nel periodo di previsione dovrebbe confermare le piantagioni in India che sono simili a quelle della Cina. In Cina, tuttavia, si prevede che la produzione crescerà ad un ritmo più lento rispetto al decennio precedente. Resta l’aspettativa che gli sforzi per spostare le terre meno produttive dalla coltivazione continueranno, nell’ambito di un più ampio sforzo per migliorare la qualità della produzione di riso. L’aumento della produzione in Thailandia e in Vietnam dipenderà principalmente dal miglioramento delle rese, date le attese relative ai prezzi nel periodo di previsione e supponendo che gli sforzi governativi per promuovere uno slittamento verso colture alternative siano efficaci. Oltre all’impatto delle infrastrutture e dei fattori di produzione, la produzione futura di riso dipenderà in gran parte dal miglioramento delle rese, dalla struttura varietale delle piante e dall’adozione di ceppi di semi migliorati. Per quanto riguarda i mercati sviluppati, la produzione dovrebbe scendere in Corea e Giappone al di sotto del livello del periodo base, ma aumentare negli Stati Uniti e nell’Unione Europea, pur non superando il picco del 2010 per gli Stati Uniti né quello del 2009 per l’Unione Europea. L’Asia meno sviluppata – che comprende il Myanmar, la Cambogia, la Repubblica Democratica Popolare del Laos e il Bangladesh – dovrebbe continuare ad aumentare i suoi livelli di produttività con l’adozione di varietà a più alto rendimento e l’applicazione di migliori pratiche agricole. Mentre la produzione di riso dovrebbe aumentare in molti Paesi africani, questa prospettiva presuppone che la produzione di riso africano sarà limitata da sistemi idrici alimentati con acqua piovana, da un uso limitato dei fattori di produzione e da infrastrutture agricole inadeguate. Nel periodo di previsione, la domanda di importazione di riso nell’Africa subsahariana (dove la popolazione è in rapido aumento) dovrebbe essere forte. Tuttavia, i grandi incrementi di produzione, trainati dalle politiche, nelle principali importazioni, dovrebbero limitare limiteranno la crescita globale delle importazioni di riso a meno della metà del tasso registrato nel decennio precedente. Di conseguenza, l’aumento del prezzo nominale, che dovrebbe raggiungere i 476 dollari la tonnellata entro il 2029, rimarrà indietro rispetto all’inflazione e il prezzo reale diminuirà. Il consumo umano diretto continua ad essere il principale utilizzo finale del cereale. Uno dei principali motori del consumo globale di riso è la crescente domanda da parte dei paesi in via di sviluppo dell’Asia e dei paesi africani. Il consumo mondiale di riso dovrebbe aumentare di 69 milioni di tonnellate entro il 2029. Si prevede che continuerà ad essere uno dei principali alimenti di base in Asia, Africa, America Latina e Caraibi. Il consumo supplementare previsto è quasi interamente attribuibile alla crescente domanda di cibo nei paesi in via di sviluppo. In alcuni paesi asiatici, dove la maggior parte della produzione è consumata sul mercato interno, si prevede una diminuzione della domanda. In India, tuttavia, si prevede un aumento di 4 kg del consumo annuo pro capite nei prossimi dieci anni, in parte spinto dalla politica sociale del governo per migliorare la sicurezza alimentare delle famiglie vulnerabili attraverso la distribuzione pubblica di cereali alimentari. In Africa, dove il riso sta acquisendo sempre maggiore importanza come alimento di base, si prevede che il consumo pro capite di riso crescerà di circa 4 kg nel periodo di previsione. Con l’utilizzo del riso che dovrebbe crescere a un ritmo leggermente più rapido rispetto all’offerta mondiale, si prevede che il rapporto globale stock/utilizzo diminuirà marginalmente, passando dal 35% nel periodo di riferimento al 31% entro il 2029. Il riso è una merce scarsamente commercializzata rispetto agli altri cereali. La crescita globale del commercio dovrebbe essere del 2,8% all’anno nel periodo di previsione, con un aumento del volume scambiato di 15 milioni di tonnellate a 62 milioni di tonnellate nel 2029. L’India dovrebbe rimanere il più grande esportatore mondiale di riso; la domanda dei suoi tradizionali mercati africani e del Vicino Oriente dovrebbe trainare l’aumento delle esportazioni. La Thailandia, dove le esportazioni sono tradizionalmente composte in gran parte da riso di qualità superiore, dovrebbe rimanere il secondo esportatore di riso. In Vietnam, la crescita prevista è in parte legata agli sforzi in corso per diversificare la composizione varietale delle spedizioni di riso del Paese, che potrebbero sostenere un aumento delle consegne in Medio Oriente, Africa e Asia orientale. Come gruppo, tuttavia, i primi cinque esportatori di riso – India, Tailandia, Vietnam, Pakistan e Stati Uniti – dovrebbero vedere le loro quote di esportazione leggermente ridotte rispetto all’ultimo decennio. Ciò riflette le aspettative che le esportazioni cinesi rimangano ben al di sopra dei minimi registrati tra il 2010 e il 2016, anche se a un livello leggermente inferiore a quello registrato nel 2019. Inoltre, tra le aspettative di grandi esportazioni, le eccedenze dalla Cambogia e dal Myanmar dovrebbero continuare a progredire, passando da un livello di base totale di circa 4 milioni di tonnellate a 7 milioni di tonnellate entro il 2029. La maggiore crescita delle importazioni dovrebbe avvenire nei paesi africani, dove la domanda – trainata dall’aumento del reddito, dall’urbanizzazione e dalla rapida crescita della popolazione – dovrebbe continuare a superare la produzione. Ciò aumenterebbe la quota dell’Africa nelle importazioni mondiali di riso dal 37% al 51%, diventando così la prima destinazione dei flussi globali di riso».  In riferimento all’attuale bilanciamento tra varietà Indica e Japonica, il rapporto sottolinea: «Le proiezioni per il prossimo decennio prevedono una crescita più forte del riso Indica rispetto alla produzione di riso Japonica, e la crescita commerciale sarà maggiore per il riso Indica, riducendo così ulteriormente la quota di Japonica sui mercati internazionali». Scarica il Rapporto
Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI