CREA DI VERCELLI IN VETTA ALLA RICERCA EUROPEA

Designato come punto di riferimento per la salute dei vegetali
crea vercelli

C’è anche il Crea di Vercelli tra i laboratori designati dalla Commissione europea come punti di riferimento per la salute dei vegetali, designazione avvenuta negli scorsi mesi seguendo un processo di selezione pubblica. Si tratta di quattro consorzi e un laboratorio: sosterranno l’Ue nella diagnosi di organismi nocivi esistenti ed emergenti e contribuiranno a un intervento più rapido e mirato alle frontiere dell’UE e nel territorio dell’UE. Copriranno i cinque tipi di parassiti regolamentati che mettono in pericolo la salute delle piante nel territorio comunitario.

Una rigorosa selezione

Tre EURL sono guidati dall’Agenzia francese per la sicurezza alimentare, ambientale e occupazionale (ANSES, Francia): l’EURL su insetti e acari, che è anche composta dall’Agenzia austriaca per la salute e la sicurezza alimentare (AGES, Austria); l’EURL sui nematodi, insieme all’Istituto di ricerca sulle Fiandre per l’agricoltura, la pesca e l’alimentazione (ILVO, Belgio); e l’EURL su funghi e oomiceti. Due EURL sono guidati dall’Autorità per la sicurezza dei prodotti alimentari e dei consumatori (Centro nazionale di riferimento fitosanitario) NVWA-NRC, Paesi Bassi: l’EURL su virus, viroidi e fitoplasmi, anch’essi composti dal Centro di ricerca per la protezione e la certificazione delle piante ( CREA-DC (DIALAB), Italia), e l’Istituto Nazionale di Biologia (NIB, Slovenia); e l’EURL sui batteri, anch’essi composti dall’Istituto di ricerca sulle Fiandre per l’agricoltura, la pesca e l’alimentazione (ILVO, Belgio), dal Centro di ricerca per la protezione e la certificazione dei vegetali (CREA-DC DIALAB, Italia), che ha tra le sue sedi anche quella di Vercelli) e dall’Istituto nazionale di Biologia (NIB, Slovenia).

Compiti di controllo

Le EURLs, come stabilito nel regolamento sui controlli ufficiali (regolamento 625/2017), promuoveranno pratiche uniformi e di alta qualità in relazione allo sviluppo o all’uso dei metodi di analisi, test o diagnosi impiegati dai laboratori ufficiali in campo fitosanitario. Forniranno inoltre un’assistenza coordinata ai laboratori nazionali, per evitare l’uso di metodi diversi che portano a diagnosi incerte. Inoltre, contribuiranno anche alla diffusione di buone pratiche, alla ricerca e all’informazione sulle innovazioni tecniche, nonché alla realizzazione di corsi di formazione. Autore: Manuela Indraccolo

Categorie
Non solo riso
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI