ACQUERELLO RISPOSA IL CARNAROLI

L'azienda di Livorno Ferraris "costretta" dalla legge del mercato interno a usare la denominazione della varietà tradizionale

Acquerello e Carnaroli sono inseparabili. A poche ore dal clamoroso annuncio di “divorzio” dalla varietà più rinomata, Piero Rondolino deve correggere il tiro. «Quando abbiamo preso la decisione di scrivere Riso Lungo A sulle nostre confezioni – spiega un comunicato che rettifica quello che, in mattinata, annunciava che la società non avrebbe più usato la denominazione Carnaroli ma Lungo A nelle sue confezioni (LEGGI L’ARTICOLO) – la giovane legge sul mercato interno presentava ancora alcuni punti da chiarire; mal interpretandola eravamo convinti che ci consentisse di utilizzare la denominazione Riso Lungo A invece che Riso Carnaroli. La motivazione della nostra scelta era quella di prendere le distanze da una situazione che creerà sempre più una deliberata confusione nel consumatore; purtroppo, a differenza di come credevamo, siamo obbligati a scrivere sulle confezioni il nome della varietà che seminiamo, Carnaroli, poiché è iscritta al registro delle varietà tradizionali». Caso chiuso (per ora). Resta un’ombra, creata da questo curioso episodio: il Carnaroli non è più considerato nel mondo del marketing un marchio vincente.

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI