SUSSI: SERVE UN COMPROMESSO

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailMediare tra la necessità di proteggere le varietà storiche e la ricerca di nuovi risi: è la ricetta di Filippo Sussi (foto piccola) per sbloccare la discussione sulla legge del...

Mediare tra la necessità di proteggere le varietà storiche e la ricerca di nuovi risi: è la ricetta di Filippo Sussi (foto piccola) per sbloccare la discussione sulla legge del mercato interno, ancora bloccata. Sussi è appena stato eletto presidente stato presidente di Anga giovani di Confagricoltura Verona e successivamente ha ricoperto il ruolo di presidente regionale. Ecco cosa ci dice in quest’intervista esclusiva.

Presidente Sussi, iniziamo dando i numeri del Vialone Nano veronese…

La realtà risicola Veronese e Veneta è una nicchia di qualità che si è ricavata il proprio spazio all’interno del mondo del riso; come dicono gli ettari seminati a di Vialone Nano (nella provincia di Verona sono circa 1600, di cui circa 300 a tutt’oggi destinati alla certificazione IGP, con un giro d’affari attualmente di circa 2 milioni di euro) non siamo certo i dominatori del mercato interno; la produzione può quintuplicare visto gli ettari già coltivati a Vialone nano ma che non richiedono a tutt’oggi la certificazione; attualmente il nostro consorzio è composto da 24 Soci di cui 21 agricoltori, nove tra riserie e pilerie, e undici confezionatori.

Quali sono i mercati elettivi di questo prodotto?

Il Riso Nano Vialone Veronese Igp è ovviamente un riso Italiano ottimo per i risotti, e viene collocato principalmente nel mercato interno, soprattutto nella zona di produzione, ma non mancano esempi di esportazione, come testimonia la Risotteria Melotti a New York.

Oggi come viene commercializzato questo prodotto?

A Verona ci sono sette pilerie aziendali e due riserie che commercializzano direttamente il prodotto , e vengono praticate tutte le forme commerciali , compresa la grande distribuzione.

Quest’anno il prezzo del Vialone è salito alle stelle. Cosa prevedete per l’autunno?

Il prezzo del Vialone è alle stelle poiché la campagna agricola è stata veramente difficile e di prodotto ce n’è veramente poco; previsioni è difficile farne sempre, credo che le quotazioni comunque rimarranno sostenute, anche perchè manca il seme.

Quali sono le infestazioni più preoccupanti e cosa fate per combatterle?

I consorziati devono attenersi ad un rigido disciplinare e per combattere le patologie più comuni usano prodotti che aiutano le piante a crescere sane e senza problemi fungini; la pratica della rotazione colturale obbligatoria da disciplinare permette di risolvere molti dei problemi relativi alle malerbe, nonché i problemi relativi al riso crodo.

Cosa pensate della legge sul mercato interno?

L’etichettatura è il punto fondamentale della riconoscibilità e rintracciabilità del prodotto, bisogna riuscire a mediare tra la necessità di proteggere le varietà storiche che fanno grande la nostra cucina e la nostra agricoltura e la ricerca di varietà migliori sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo; ai legislatori ardui compromessi! (22.03.14)

Categorie
RisicolturaRiso in cucina
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI