SEMINE PREOCCUPATE

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailSi fa presto a dire semine. I ricordi della campagna risicola 2014 sono troppo vividi per non tenerne conto. Non ci riferiamo tanto all’andamento del mercato e alla famosa...

thai01Si fa presto a dire semine. I ricordi della campagna risicola 2014 sono troppo vividi per non tenerne conto. Non ci riferiamo tanto all’andamento del mercato e alla famosa sindrome cambogiana: parliamo delle fitopatologie che hanno afflitto, con il concorso del clima e delle restrizioni normative, la resa finale della risaia italiana. Ricordiamoci cosa è successo: ritardi vegetativi causati da temperature al di sotto delle medie stagionali da luglio fino a metà agosto. I tecnici dell’Ente Risi hanno segnalato «parecchie coltivazioni ancora in piena fioritura al 20 di agosto». La soglia minima per evitare un danno da sterilità o da aborto fiorale sono i 15 °C: al momento del raccolto le conseguenze di questo freddo si sono espresse in tutta la loro gravità, soprattutto nei risi indica ma anche – come segnalato sempre dall’Ente Risi – tra le varietà da interno più suscettibili alla colatura apicale, come S. Andrea, Volano, Carnaroli, Caravaggio, Vialone Nano. Non è stato l’unico problema. Anche il Brusone ha fatto capolino, per quanto alla resa dei conti meno di quanto si temesse in piena estate. Colpiti Volano e Carnaroli. Altro flagello delle nostre risaie: il punteruolo acquatico è ormai diffuso sull’intero areale risicolo italiano (Emilia e Sardegna comprese), accompagnato da batteriosi; non va sottovalutato in annate climaticamente infauste il giallume che si accanisce, a parere dei tecnici dell’Ente Risi, su S. Andrea, Centauro e Sole. A queste patologie bisogna aggiungere giavoni e piperacee, cucchiai e crodo… Un quadro reso più preoccupante dalle diffuse resistenze che consigliano di pianificare bene, oltre all’acquisto del seme, quello di diserbanti e fungicidi. (Nella foto grande, un’immagine di Fusarvideo info@fusarvideo.it) (05.01.15)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI