RISO ANTIALLERGICO

FacebookGoogle+LinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailIl riso nero può attenuare l’infiammazione che sta alla base dell’asma e delle allergie in generale. Uno studio americano ha verificato che il riso nero, in particolare la sua...
vene01Il riso nero può attenuare l’infiammazione che sta alla base dell’asma e delle allergie in generale. Uno studio americano ha verificato che il riso nero, in particolare la sua crusca, rallenta il rilascio di istamina, la molecola responsabile del meccanismo infiammatorio. Aumentare il consumo di questo alimento, che apporta anche vitamina E dalle virtù antietà, ferro e fibre, può contribuire così a combattere i sintomi allergici. La ricerca appare nella rivista bisettimanale di ACS, Journal of Agricultural and Food Chemistry. Non è un’assoluta novità, ma il fatto che la cosa sia stata portata all’attenzione del Dipartimento all’agricoltura degli Stati Uniti può costituire una svolta sul piano commerciale. Non sarebbe la prima volta che negli Usa la qualità nutrizionale di un cibo ispira la politica nazionale, traducendosi in scelte conseguenti sul piano degli incentivi e delle mode.
Le precedenti ricerche di Mendel Friedman avevano dimostrato molti potenziali benefici che vengono dal consumo della crusca del riso nero. La crusca, come ricorda Gaianews, è la parte più esterna del chicco dei cereali, spesso considerata come un materiale di scarto e composta da fibra alimentare che favorisce la fisiologia intestinale. I precedenti esperimenti, condotti attraverso la coltura di cellule in vitro, mostravano come la crusca di riso nero sopprima il rilascio dell’istamina, un mediatore chimico che causa l’infiammazione dei tessuti: nel nuovo studio, gli scienziati hanno testato gli effetti della crusca di riso nero, avendone ricavato un estratto che hanno successivamente utilizzato per curare l’infiammazione della pelle di alcune cavie da laboratorio.
Quando hanno iniettato l’estratto nei topi, l’infiammazione si è ridotta del 32%, comparata con un gruppo di animali di controllo, e ha anche ridotto la produzione di certe sostanze conosciute come promotori dell’infiammazione. I ricercatori hanno sperimentato anche un estratto di crusca di riso non pigmentata, scoprendo sorprendentemente che essa non aveva gli effetti dell’altra. Inoltre, in un gruppo di topi alimentato con una dieta contenente il 10% di crusca di riso nero, i ricercatori hanno osservato la riduzione l’arrossamento tipico di alcune diffuse dermatiti da contatto, un comune tipo di irritazione della pelle.
Le scoperte “mostrano ulteriormente il potenziale valore del riso nero, e in particolare della sua crusca, come cibo anti-infiammatorio e anti-allergico, ed eventualmente come un possibile agente terapeutico per il trattamento e la prevenzione di malattie associate con infiammazione cronica”, conclude l’ACS. In Italia sono selezionate e commercializzate diverse varietà di riso nero, la più nota delle quali è il Venere. Nella foto grande, una visita ai campi dimostrativi della Sapise. (28.01.14)
Categorie
RisicolturaRiso in cucina
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI