PSR UGUALE PER TUTTI

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailPiemonte e Lombardia stanno costruendo i rispettivi Psr avendo cura di uniformare le misure agroambientali che riguardano il riso. La richiesta è venuta dall’Ente Nazionale Risi e riflette un’esigenza...

Piemonte e Lombardia stanno costruendo i rispettivi Psr avendo cura di uniformare le misure agroambientali che riguardano il riso. La richiesta è venuta dall’Ente Nazionale Risi e riflette un’esigenza reale: nella programmazione 2007/2013 erano emerse notevoli difformità di trattamento tra le aziende risicole lombarde e quelle piemontesi, a tutto vantaggio delle prime. In soldoni, la stessa misura prevedeva, per ricevere gli aiuti del secondo pilastro, operazioni diverse ma soprattutto premi diversi. In una regione, per la medesima misura, potevano cambiare le dimensioni dei canali da tenere colmi durante l’asciutta, ma soprattutto cambiavano i parametri economici, col risultato che per la medesima misura un’azienda lombarda percepiva un centinaio di euro ad ettaro e una piemontese circa la metà. “Un problema particolarmente sentito in risicoltura . spiega a Risoitaliano Francantonio Olivero, dirigente del servizio Agricoltura della Regione Piemonte  – che presenta costi e metodi sostanzialmente uniformi indipendentemente dalle regioni in cui viene praticata”. Gli assessori all’agricoltura Claudio Sacchetto (Piemonte) e Gianni fava (Lombardia) si sono accordati per elaborare insieme quella parte di Psr che riguarda le misure agroambientali dirette alla risicoltura. “Sia chiaro – precisa Olivero – che noi presenteremo misure uniformi alla Commissione europea, cui però spetta un’istruttoria che in teoria potrebbe modificarle, vanificando in tutto o in parte questo lavoro. Ovviamente vigileremo perché ciò non avvenga, ma il rischio c’è”. Le nuove misure agroambientali e climatiche “standardizzate” partiranno con i bandi Psr 2015. (10.03.14)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI