LA RISICOLTURA E LA GRANDE GUERRA

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailLa definirono l’inutile strage. Cent’anni fa, la Prima Guerra Mondiale fece sedici milioni di morti, nove sui campi di battaglia e sette tra i civili. Anche la risicoltura versò...

copertinaLa definirono l’inutile strage. Cent’anni fa, la Prima Guerra Mondiale fece sedici milioni di morti, nove sui campi di battaglia e sette tra i civili. Anche la risicoltura versò un pesantissimo tributo di sangue, ma sopravvisse: nel 1914 si estendeva su 146.100 ettari e restarono 138.400 nel 1918. Anni durissimi, nel corso dei quali i risicoltori italiani dimostrarono un’eccezionale reattività: adottarono tecniche colturali innovative, svilupparono alleanze ed esplorarono nuovi sbocchi commerciali, si scontrarono con la politica e pagarono i prezzi che andavano pagati, pur di restare fedeli alla propria storia e alla propria vocazione agricola. La Grande Guerra vista delle nostre risaie: è il contenuto del nuovo libro di Giuseppe Sarasso e Paolo Viana edito da Interlinea (con prefazione di Antonio Finassi) e in questi giorni nelle librerie. L’epopea della Stazione Sperimentale di Risicoltura, la battaglia per la panificazione con farine di riso, la scoperta del trapianto, gli esperimenti per l’aratura elettrica… e poi le pressioni per evitare la coscrizione di operai e acquaioli, ma anche dei buoi e dei cavalli, le origini di una meccanizzazione indotta proprio dall’assenza di braccia e armenti leggere questo libro significa rinnovare il ricordo della Grande Guerra ma anche capire da dove veniamo. Nella foto grande, la trattrice Pavesi-Tolotti sui campi di battaglia. Per informazioni e prenotazioni: direzione@risoitaliano.eu

Categorie
Il PersonaggioLa curiositàRisicolturaRiso in cucina
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI