GALLARATI SCOTTI: APPROVIAMO LA LINEA DEL RIGORE SUL BIO

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailQuesta volta, i lombardi invidiano i piemontesi. Fulco Gallarati Scotti, presidente dell’Unione agricoltori di Pavia, lo ammette apertamente: «La linea del rigore inaugurata dall’assessore Ferrero sul riso biologico dovrebbe...

confagricolturaQuesta volta, i lombardi invidiano i piemontesi. Fulco Gallarati Scotti, presidente dell’Unione agricoltori di Pavia, lo ammette apertamente: «La linea del rigore inaugurata dall’assessore Ferrero sul riso biologico dovrebbe essere d’esempio anche al di qua del Ticino».

In che senso?

La circolare di cui ha dato notizia Risoitaliano.eu è chiara e serve a sgombrare il terreno sia dalle furbizie di chi pensa che si possa coltivare riso convenzionale e venderlo come biologico, sia dalle illazioni di coloro che accusano tutti i produttori biologici di essere dei ladri. La certezza del diritto fa bene a tutti, a partire dai consumatori che pagano il prodotto biologico più di quello convenzionale e hanno il diritto di acquistare un riso che sia stato coltivato nell’assoluto rispetto dei disciplinari.

Ciò non avviene sempre?

Se la Regione Piemonte ha deciso di inasprire i controlli è perché anche il semplice sospetto di irregolarità – particolarmente dopo l’avvio di un’inchiesta giudiziaria a Vercelli – costituisce un danno importante per la filiera del riso bio, che è in espansione e va tutelata.

La circolare di Ferrero afferma che finora chi doveva controllare non controllava. Non pensa che siano affermazioni gravi?

Lo penso. Ma esorto a guardare avanti: se c’è stato un certo lassismo, e se magari permane in altre Regioni, non vi è ragione di attardarsi in polemiche, ma bisogna chiudere la stalla prima che scappino tutti i buoi. Ottima cosa che la Regione Piemonte fissi sia l’elenco dei principi attivi che devono essere monitorati nei prodotti e nei terreni biologici – nel senso che non devono essere presenti residui riconducibili all’uso di sostanze escluse dai disciplinari – e determini quando e come vadano effettuati i controlli, affinché si vada in campo nel momento in cui il controllore può realmente verificare l’utilizzo di sostanze vietate.

Crede che questa linea dovrebbe essere applicata anche in Lombardia?

Sì. (21.12.2015)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI