PSR LOMBARDO, TUTTI ATTENDONO LA 16

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailNell’ambito del Per lombardo, non sono state ancora emesse (al 10 di agosto) le disposizioni attuative della Misura 16 del PSR, riguardante la cooperazione e l’innovazione. La Misura è...

foto FlavioNell’ambito del Per lombardo, non sono state ancora emesse (al 10 di agosto) le disposizioni attuative della Misura 16 del PSR, riguardante la cooperazione e l’innovazione. La Misura è articolata in sei sottomisure: 

· la sottomisura 16.1 con l’operazione 16.1.01 “Gruppi operativi PEI (Programmi Europei per l’ Innovazione”; 

· la sottomisura 16.2, con l’operazione 16.2.01“Progetti pilota e sviluppo di innovazione”; 

· la sottomisura 16.4, con l’operazione 16.4.01 “Filiere corte”; 

· la sottomisura 16.5, con l’operazione 16.5.01 “Cooperazione per la sostenibilità ambientale”; 

· la sottomisura 16.9, con l’operazione 16.9.01 “Agricoltura sociale, educazione ambientale ed alimentare” 

· la sottomisura 16.0, con le operazioni: 16.10.01 ”Progetti integrati di filiera” e 16.10.02 “Progetti integrati d’area”. 

La misura 16 rappresenta per molti versi una novità nell’architettura dei programmi di sviluppo rurale elaborati dall’ Unione Europea. L’ elemento centrale dei programmi di cooperazione è costituito dai Gruppi Operativi (GO) che dovrebbero essere dei parternariati più elastici e flessibili rispetto ai GAL previsti dall’iniziativa Leader che sottende la misura 19 (alla quale abbiamo dedicato un’analisi ad hoc) anche perché potranno essere costituiti da soli soggetti privati (imprese agricole ed agroindustriali), da altre forme associative (consorzi, associazioni produttori), da enti di ricerca, da enti parco e soggetti gestori di aree Natura 2000, senza sottostare ai vincoli imposti ai parternariati GAL. Inoltre la misura 16 si applica all’ intero territorio regionale e non solo alle aree ritenute “deboli” a cui si applica l’iniziativa Leader.

Lo scenario su cui si potrebbe dare attuazione alla misura 16 è quindi ancora abbastanza  indefinito: potrebbe dar luogo a sviluppi interessanti se sarà gestito con la dovuta attenzione, con criteri di assoluta trasparenza e correttezza amministrativa. La dotazione finanziaria non è enorme (7,4 milioni euro) ma neppure del tutto trascurabile: ci sarà probabilmente modo di riparlarne. Autore: Flavio Barozzi, dottore agronomo – contatti: flavio.barozzi@odaf.mi.it (10.08.2015)

Categorie
Norme e tributiRisicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI