Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

INQUINAMENTO A IMPATTO ZERO

da | 17 Mag 2021 | Non solo riso

Foto aerea_Riprese Proh_Giotto Droni

Una riduzione del 50% dell’uso di agrofarmaci entro 30 anni, e il miglioramento della qualità dell’acqua nell’Ue: la Commissione europea ha adottato il piano d’azione “Verso l’inquinamento zero per l’aria, l’acqua e il suolo” il 12 maggio, un risultato chiave dell’European Green Deal e il tema principale della Settimana Verde dell’UE di quest’anno. Stabilisce una visione integrata per il 2050: un mondo in cui l’inquinamento è ridotto a livelli che non sono più dannosi per la salute umana e gli ecosistemi naturali, ma indica anche come arrivarci.

Il piano collega tutte le politiche Ue per affrontare e prevenire l’inquinamento, sottolineando come utilizzare soluzioni digitali per affrontare l’inquinamento. Sono previste revisioni della legislazione europea in materia per identificare le lacune rimanenti e dove è necessaria una migliore attuazione per soddisfare questi obblighi legali. Per guidare l’Unione verso l’obiettivo del 2050 di un pianeta più sano, il piano d’azione stabilisce obiettivi chiave per il 2030 per ridurre l’inquinamento alla fonte, rispetto alla situazione attuale.  Tra i più importanti, alcuni riguardano direttamente l’agricoltura: tra questi il miglioramento della qualità dell’acqua con la riduzione dei rifiuti, i rifiuti di plastica in mare (del 50%) e le microplastiche rilasciate nell’ambiente (del 30%); il miglioramento della qualità del suolo riducendo le perdite di nutrienti e l’uso di pesticidi chimici del 50%.

«Il Green Deal mira a costruire un pianeta sano per tutti. Per fornire un ambiente privo di sostanze tossiche alle persone e al pianeta, dobbiamo agire ora. Questo piano guiderà il nostro lavoro per arrivarci. Le nuove tecnologie verdi già presenti possono aiutare a ridurre l’inquinamento e offrire nuove opportunità commerciali. Gli sforzi dell’Europa per ricostruire un’economia più pulita, più equa e più sostenibile devono allo stesso modo contribuire a raggiungere l’ambizioso obiettivo di ridurre a zero l’inquinamento».

Il piano per ridurre a zero l’inquinamento

Il piano delinea una serie di iniziative e azioni faro, tra cui la revisione degli standard per la qualità dell’acqua, anche nei fiumi e nei mari, la riduzione dell’inquinamento del suolo e il miglioramento del ripristino, la revisione della maggior parte delle leggi sui rifiuti per adattarle ai principi dell’economia pulita e circolare, la promozione dell’inquinamento zero dalla produzione e dal consumo, la presentazione di un quadro di valutazione delle prestazioni verdi delle regioni europee per promuovere l’inquinamento zero, ridurre le disuguaglianze sanitarie causate dalla quota sproporzionata di impatti nocivi sulla salute che ora gravano sui più vulnerabili, ridurre l’impronta di inquinamento esterno dell’Unione limitando l’esportazione di prodotti e rifiuti che hanno impatti nocivi e tossici nei paesi terzi, lanciare Living Labs per soluzioni digitali verdi e inquinamento zero intelligente, consolidare i centri di conoscenza in materia e riunire le parti interessate nella piattaforma Zero Pollution Stakeholder, rafforzare l’applicazione dell’inquinamento zero insieme alle autorità ambientali e non solo.

Insieme alla strategia sulle sostanze chimiche per la sostenibilità adottata l’anno scorso, il piano d’azione traduce in azione l’ambizione dell’inquinamento zero dell’Unione per un ambiente privo di sostanze tossiche. Va di pari passo con gli obiettivi  per la neutralità del clima, la salute, la biodiversità e l’efficienza delle risorse e si basa su iniziative nel campo dell’energia, dell’industria, della mobilità, del cibo, dell’economia circolare e dell’agricoltura. La Settimana Verde  di quest’anno, il più grande evento annuale sulla politica ambientale, dall’1 al 4 giugno, permetterà ai cittadini europei di discutere di delle molteplici angolazioni di questo tema alla conferenza principale di Bruxelles, online e in più di 600 eventi partner.

Inquinamento, causa di malattie fisiche e mentali

L’inquinamento è la più grande causa ambientale di molteplici malattie mentali e fisiche, e di morti premature, soprattutto tra i bambini, le persone con particolari condizioni mediche e gli anziani. Le persone che vivono nelle aree più svantaggiate spesso vivono vicino a siti contaminati, o in aree dove c’è un flusso di traffico molto elevato. Un ambiente privo di sostanze tossiche è anche cruciale per proteggere la nostra biodiversità e gli ecosistemi, poiché l’inquinamento è una delle ragioni principali della perdita di biodiversità, riducendo la capacità degli ecosistemi di intrappolare l’anidride carbonica e di decontaminare aria e acqua.

Secondo un recente rapporto dell’AEA sulla salute e l’ambiente, nell’Unione ogni anno oltre 400 000 morti premature (comprese quelle per cancro) sono attribuite all’inquinamento dell’aria ambiente, e 48 000 casi di malattie cardiache ischemiche e 6,5 milioni di casi di disturbi cronici del sonno al rumore, accanto ad altre malattie attribuibili ad entrambi. (Fonte: Unione Europea)