Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

IL RISICOLTORE EMIGRA DOVE C’È ACQUA 

Delta Ebro

I migranti climatici sono una realtà in Spagna. Dove prima c’erano risaie ora ci sono terre aride e aride. Lo racconta El Pais (leggi l’articolo). Gli agricoltori hanno raggiunto il loro limite: il numero di colture irrigate è cresciuto, mentre il numero di bacini è aumentato a malapena. (LE NOVITÀ Questo squilibrio è aggravato dalla mancanza di pioggia da quattro anni. Le perdite sono milionarie.  Alcuni agricoltori andalusi hanno lasciato i loro appezzamenti per trasferirsi in altre zone più coltivabili e persino hanno attraversato il confine con il Portogallo, una decisione che rende i costi più alti, ma consente loro di rimanere a galla per il momento.

LADDOVE C’ERANO SPECCHI D’ACQUA ORA SOLO ZOLLE

Tra Los Palacios e Villafranca (Siviglia), città polverosa che si abbevera nel bacino del Guadalquivir che, con i bacini idrici inferiori al 25% della sua capacità, è uno dei più vuoti in Spagna. Dove prima brillavano gli specchi d’acqua delle risaie lunghi chilometri, oggi scricchiolano le zolle secche che si sgretolano sotto la suola.

I contadini dicono che la desertificazione ha aperto fessure in cui può entrare un avambraccio.  «Prima era uno spettacolo, ma ora è un deserto», dice Juan Muñoz Moreno, 49 anni, presidente della comunità di irrigazione Las Marismas del Guadalquivir, un lavoro che, date le circostanze, lo costringe a trattare con persone scontente ovunque arrivi .

TERRENI IRRIGATI IN CRESCITA

La siccità in Andalusia è un fenomeno prevedibile dato il progressivo squilibrio tra domanda e offerta, sottolinea. La crescita esponenziale dei terreni irrigati  ha messo a repentaglio il sistema di approvvigionamento. Quest’ultimo negli ultimi 50 anni ha aggiunto a un numero appena sufficiente di bacini.

Il bacino del Guadalquivir è passato da 598.000 ettari dipendenti dall’irrigazione nel 1998, agli 881.000 di oggi. Nonostante ciò, la regione è passata da ricevere 5.000 ettometri cubi di acqua nel 2020, ad averne solo 500 quest’anno, secondo la comunità dell’irrigazione. Ancora peggio, la pioggia manca da quattro anni. Le precipitazioni accumulate in Spagna sono state ridotte del 39,5% negli ultimi cinque anni, secondo l’ultima misurazione Aemet del 20 luglio.

PIU’ IRRIGAZIONI, PIU’ SOLDI

Per ogni ettaro che un agricoltore registra per l’irrigazione, la Confederazione Idrografica del Guadalquivir, che dipende dal governo centrale, riceve circa 120 euro in più di tasse. Muñoz sottolinea che l’Amministrazione è interessata ad avere più terra irrigata, perché raccoglie più soldi. Lui, come altri contadini di Las Marismas, si rammarica che questo aumento della raccolta non si concretizzi nelle infrastrutture per l’acqua.

La siccità ha mandato lontano anche Vicente Ruiz García, 44 anni, che ha lasciato Las Marismas due anni fa per il Portogallo, dove ha 1.200 ettari di girasoli. I loro nuovi raccolti sono forniti dal bacino idrico di Alqueva, che è alimentato dal Guadiana ed è il più grande dell’Europa occidentale, con più acqua dell’intero bacino del Guadalquivir. Nonostante le difficoltà, il processo ha avuto successo: i primi due raccolti hanno generato profitti, anche se i costi di produzione sono aumentati di almeno il 25% secondo le sue stime. Finché non piove, spiega, continuerà a lavorare in Portogallo perché in Spagna non ha alcuna attività. Muñoz avverte che ci sono tante persone che si sono ipotecate per acquistare macchinari o altra terra e ora devono cercare la vita o perdono tutto.

Nel mondo rurale, la siccità copre tutto. Non solo gli agricoltori dipendono dai raccolti, ma anche i settori dei trasporti, dei fertilizzanti, dei macchinari o della trasformazione alimentare. Il rallentamento dell’economia della città è palpabile. Nel mondo rurale, la siccità copre tutto. Non solo gli agricoltori dipendono dai raccolti, ma anche i settori dei trasporti, dei fertilizzanti, dei macchinari o della trasformazione alimentare. Il rallentamento dell’economia in città è palpabile. Finché persisterà la siccità, i contadini continueranno ad emigrare, con la minaccia che ciò comporta per la sovranità alimentare, l’aumento dei prezzi dei generi alimentari e il dramma umano degli esuli.

Puoi seguirci anche sui social: siamo presenti su facebookinstagram e linkedin. Se vuoi essere informato tempestivamente delle novità, compila il modulo newsletter e whatsapp presente in home page. Se vuoi leggere ricette e notizie sul riso in cucina trovi tutto su http://www.risotto.us e se vuoi comprare dell’ottimo riso in cascina collegati a http://www.bottegadelriso.it

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla Privacy - WhatsApp

Cliccando "Accetto le condizioni" verrà conferito il consenso al trattamento dei dati di cui all’informativa privacy ex art. 13 GDPR. *

* Campo obbligatorio