Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

COMMERCIO DI RISO IN AUMENTO NEL 2020

da | 18 Mag 2021 | Internazionale

commercio mondiale riso

Nel 2020, il commercio mondiale di riso è aumentato del 2,9% a 45,5 milioni di tonnellate da 44,2 milioni di tonnellate nel 2019. I requisiti di importazione sono stati più elevati in America Latina e nei Caraibi a causa di un picco nel consumo di riso in risposta alla pandemia Covid-19. L’India, il maggiore esportatore mondiale, ha visto le sue esportazioni salire del 50% grazie a prezzi molto competitivi. Al contrario, le vendite tailandesi sono calate ancora del 25%, raggiungendo il livello più basso degli ultimi vent’anni. Il Vietnam ha resistito meglio all’onda indiana, registrando un calo solo del 4,5%, salendo al secondo posto nel mondo e superando la Thailandia per la prima volta nella sua storia. Nel 2021, si prevede un aumento significativo del commercio mondiale del 6% a 48,2 milioni di tonnellate, o 2,7 milioni di tonnellate in più rispetto al 2020. Si prevede una forte domanda di importazioni dal Bangladesh e dall’Africa occidentale, come Nigeria, Costa d’Avorio e Senegal.

Le scorte mondiali di riso relative al 2020 sono diminuite dell’1,5% a 182,7 milioni di tonnellate rispetto ai 185,3 milioni di tonnellate nel 2019. Tuttavia, rimangono a livelli soddisfacenti, pari al 36% del fabbisogno mondiale. Questo calo riguarda soprattutto la Cina, ma le sue riserve rimangono significative, equivalenti al 70% del suo consumo annuale. Inoltre, le scorte dei principali paesi esportatori dovrebbero aumentare ancora nel 2020/21 a 53 milioni di tonnellate, cioè il 30% delle scorte mondiali. D’altra parte, le scorte dovrebbero ridursi nei principali paesi importatori, soprattutto nei paesi africani. Nel 2021, le scorte mondiali potrebbero rimanere stabili a circa 182,7 milioni di tonnellate.