Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

CENT'ANNI DI MARATELLI

da | 15 Mag 2014 | NEWS, Riso in cucina

Sabato 17 maggio all’Auditorium Santa Marta di Asigliano Vercellese (foto grande) sarà celebrato il centenario della scoperta del riso Maratelli, una delle varietà più antiche e rinomate. Una scoperta avvenuta nel 1914 quando Mario Maratelli (foto piccola), riconosce in una sua risaia una pianta differente dal Chinese Originario, una pianta che presenta una quantità di chicchi maggiore e spighe più lunghe; alla vista appare anche di un colore più intenso: sembra più matura delle altre e già pronta per la trebbiatura. Mario raccoglierà la pianticella e ne conserverà i semi per l’anno successivo. Il Maratelli, dopo alcuni anni di coltura su piccoli appezzamenti di risaia, aumenta di semina in semina fino ad arrivare a coprire interi campi e ad ottenere una produzione che conferma stabilmente le ottime qualità rilevate. E’ un ibrido naturale stabile, il quale mantiene costantemente le sue caratteristiche. Fin dall’inizio la nuova varietà si distingue per la precocità della maturazione; questo comporta la possibilità di raccoglierla in anticipo e concede il privilegio di renderla disponibile prima sul mercato, per poter arrivare presto nelle cucine, dove è già molto richiesta. In effetti, nella preparazione delle ricette piemontesi classiche come la panissa, i risotti e le minestre di riso in brodo, i chicchi recentemente scoperti si dimostravano gustosi e di qualità, tenendo molto bene la cottura e legandosi alla perfezione con tutti gli ingredienti dei piatti. Nel 1921 viene iscritto nel Registro Nazionale delle Varietà il semifino Riso Maratelli che nel 1970 arriva ad occupare l’8 % delle risaie italiane coltivate e risulta una delle varietà più apprezzate anche in Lombardia e in Svizzera. Purtroppo negli anni Settanta l’uso sempre più massiccio dei diserbanti chimici non è tollerato dalla pianta, che fino a quel momento aveva subito la monda a mano e negli anni Ottanta questo riso scompare. Solo recentemente, viene recuperato in ambito biologico. Le manifestazioni per ricordarne la storia si apriranno alle 15 di sabato ad Asigliano con un’esposizione di mezzi agricoli legati alla figura del cavalier Mario Maratelli, il selezionatore di questa varietà centenaria. In seguito, sarà inaugurata una mostra fotografica e si terrà un convegno con la partecipazione di giornalisti e scrittori, ma anche di alcuni risicoltori come Carlo Zaccaria di Salussola e Silvio Barberis di Asigliano, nonché di Vittorina Maratelli, presidente dell’omonima associazione. Alle 20, una degustazione di riso Maratelli concluderà la giornata. (15.05.14)