BREXIT: RISCHI PER L’EXPORT DI RISO ITALIANO

Oggi il 15% del riso importato in Gran Bretagna proviene dal nostro Paese

La Brexit  può costare cara al settore risicolo europeo e all’Italia che è il primo esportatore comunitario con poco meno della metà delle esportazioni Ue in Gran Bretagna, terza destinazione intra Ue. Oggi circa il 15% del riso importato in quel Paese è italiano. L’uscita di Londra dall’Ue, soprattutto senza l’accordo e le clausole transitorie, sarebbe dunque negativa per il riso italiano ed europeo che con 4 paesi fra i primi 10 copre il 40% del totale e verrebbe sostituito dai grandi esportatori mondiali. Nel 2017, le esportazioni agroalimentari dell’Ue27 nel Regno Unito sono ammontate a 41 miliardi di euro mentre le esportazioni del Regno Unito verso l’Unione hanno raggiunto i 17 miliardi di euro. Questo commercio, e le attività dell’indotto, danno lavoro a 44 milioni di persone in tutta l’Ue28, riflettendo il grado di integrazione e complessità della catena di approvvigionamento alimentare. 

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI