Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

GIGANTI ASIATICI IN AFFANNO

da | 19 Mag 2021 | Internazionale

prezzi riso mondo

In aprile, i prezzi mondiali del riso sono scesi del 3,5% in media. Lo ricorda il rapporto Osiriz, edito ogni mese in diverse lingue da Patricio Méndez del Villar, ricercatore presso il Centre de Coopération Internationale en Recherche Agronomique pour le Développement – CIRAD in Francia (www.cirad.fr). Il rapporto completo può essere scaricato solo dal sito www.infoarroz.org. Vediamo l’andamento nei diversi Paesi.

Andamento dei prezzi del riso nei vari Paesi

In India, i prezzi del riso sono rimasti relativamente stabili, ma con una tendenza al ribasso alla fine di aprile. Le esportazioni continuano ad andare forte. Nel 2021, potrebbero superare un nuovo record a 16 milioni di tonnellate. La domanda africana è abbastanza forte, soprattutto verso i paesi costieri dell’Africa occidentale. Le vendite al continente africano rappresenterebbero quasi il 60% delle esportazioni indiane. In aprile, il riso indiano 5% ha segnato 405 dollari/tonnellata Fob contro 408 dollari in marzo. Anche il riso indiano 25% è sceso a 365 dollari dai 368 dollari precedenti. All’inizio di maggio, i prezzi tendevano ancora a indebolirsi.

In Thailandia, i prezzi sono scesi del 6% a causa di un rallentamento dell’attività di esportazione e di un ulteriore indebolimento del bath rispetto al dollaro. Le esportazioni thailandesi potrebbero non superare le 250.000 tonnellate in aprile rispetto alle 302.000 mila tonnellate di marzo. Sarebbero così in ritardo del 34% rispetto all’anno scorso nello stesso periodo. Già nel 2020, le vendite thailandesi erano scese del 25% rispetto al 2019 a 5,7 milioni di tonnellate, il livello più basso degli ultimi vent’anni. In aprile, il prezzo del riso thailandese 100%B è stato in media di 485 dollari/tonnellata rispetto ai 515 dollari di marzo. Anche il Parboiled Thai è sceso a 478 dollari  da 505 dollari. Il Broken A1 Super è sceso a 419 dollari da 444 dollari. All’inizio di maggio, i prezzi tendevano a recuperare a causa dell’aumento della domanda africana di riso parboiled verso il Benin e il Sudafrica.

In Vietnam, i prezzi all’esportazione sono scesi del 4% a causa delle abbondanti disponibilità conseguenza del raccolto invernale-primaverile. La domanda di importazioni è stata particolarmente attiva, soprattutto dalle Filippine e dalla Cina. Le Filippine rappresentano il 35% delle vendite vietnamite, seguite dalla Cina (20%) e dall’Africa occidentale (15%). In aprile, le esportazioni avrebbero superato le 650.000 tonnellate, rispetto alle 400.000 tonnellate di marzo, pari ad un calo del 9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In aprile, il Viet 5% è stato scambiato a 489 dollari/tonnellata contro i 509 dollari di marzo. Il Viet 25% è stato quotato a 464 dollari rispetto ai precedenti 484 dollari. All’inizio di maggio, i prezzi tendevano a consolidarsi.

In Pakistan, i prezzi del riso sono diminuiti anche a causa della debolezza della domanda, soprattutto da parte dei clienti cinesi che preferiscono acquistare riso indiano, più competitivo. Le esportazioni pakistane sono quindi in calo del 15% rispetto ai livelli dello stesso periodo del 2020. In aprile, il Pak 25% era quotato a 378 dollari/tonnellata contro i 390 dollari di febbraio. All’inizio di maggio, i prezzi erano stabili.

In Cina, la domanda di importazioni sta crescendo mentre le esportazioni nel 2021 dovrebbero rimanere stabile. Questo potrebbe rendere la Cina di nuovo il più grande importatore mondiale, davanti alle Filippine.

Negli Stati Uniti, i prezzi sono aumentati leggermente in un mercato abbastanza attivo. In aprile, le esportazioni sono salite a 345.000 tonnellate dalle 230.000 tonnellate di marzo. L’America centrale e i Caraibi rimangono i mercati principali con quasi il 60% delle vendite statunitensi. In aprile, il prezzo indicativo del riso Long Grain 2/4 è stato di 581 dollari contro i 579 dollari di marzo. All’inizio di maggio, il prezzo tendeva ad aumentare significativamente. Al Chicago Board of Trade, i prezzi futuri del risone sono rimasti relativamente stabili a 292 dollari /t rispetto ai precedenti 290 dollari. All’inizio di maggio, i prezzi erano più stabili a circa 313 dollari.

Nel Mercosur, i prezzi all’esportazione sono diminuiti di un altro 2% in un mercato piuttosto tranquillo. I raccolti sono quasi completati e ci si aspetta che siano buoni, soprattutto in Brasile e Uruguay. Al contrario, la produzione paraguaiana dovrebbe diminuire del 30% a causa delle cattive condizioni meteorologiche. In aprile, le esportazioni brasiliane sono salite a 77.000 tonnellate (base lavorata) dalle 72.000 tonnellate di marzo, in calo del 17% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il prezzo indicativo del risone brasiliano si è rafforzato del 2,5% a 313 dollari/tonnellata dai 305 dollari di marzo. All’inizio di maggio, era fermo a 322 dollari.

Nell’Africa sub-sahariana, i prezzi interni sono rimasti stabili in tutti i mercati regionali. La domanda di importazioni sta aumentando a causa delle minori forniture interne. La produzione di riso nel 2020/2021 non dovrebbe aumentare molto nel complesso, nonostante le buone piogge del 2020. Si prevede che il fabbisogno di importazioni possa aumentare rapidamente a 17,8 milioni di tonnellate nel 2021 da 15,6 milioni di tonnellate nel 2020, pari al 37% delle importazioni mondiali.