COLDIRETTI: IL RISO LOMBARDO SOFFRE

FacebookLinkedinTwitterWhatsAppPrintEmailIl riso lombardo ha l’acqua alla gola. Da Pavia a Milano, dal Lodigiano alla Lomellina fino al Mantovano sono iniziati in questi giorni gli allagamenti delle camere, i terreni...

Il riso lombardo ha l’acqua alla gola. Da Pavia a Milano, dal Lodigiano alla Lomellina fino al Mantovano sono iniziati in questi giorni gli allagamenti delle camere, i terreni dove le piantine cresceranno sino al raccolto di settembre. I margini sempre più risicati di guadagno però – spiega la Coldiretti Lombardia – hanno provocato dal 2013 la “cancellazione” di oltre 11 mila ettari coltivati a livello regionale, con una perdita di quasi il 12% delle superfici l’anno scorso e un sostanziale stallo per quest’anno. La Lombardia in ogni caso – spiega la Coldiretti – continua a rappresentare più del 40% degli oltre 216 mila ettari coltivati a riso in Italia.  “Noi terremo l’acqua fino al 25 agosto e dalla metà di settembre prevediamo la raccolta, anche se dipende sempre dal meteo” spiega Giorgio Carenini, 46 anni, con 85 ettari a riso al Zinasco, alle porte della Lomellina pavese. “Il tempo non è stato caldissimo quindi molti hanno scelto di seminare in asciutta e adesso hanno iniziato a fare entrare l’acqua” spiega Paolo Braschi, risicoltore di Vistarino, in provincia di Pavia.  Fra Gaggiano e Vermezzo (in provincia di Milano) anche Fabio Camisani ha cominciato ad allagare i suoi 141 ettari coltivati principalmente a Carnaroli, una delle varietà più pregiate. “Un numero crescente di agricoltori decide di coltivare in asciutta – spiega Braschi – perché servono meno lavorazioni e si riducono i costi”. Campane a morto anche in altre zone: «Ho rilevato l’azienda nel 1997 e sono arrivato ad avere, tra il 2010 e il 2011, 80 ettari coltivati a riso – testimonia Pietro Asti, 50enne coltivatore con terreni a Pieve Fissiraga e a Cornegliano Laudense – poi ho ridotto progressivamente la superficie e adesso non l’ho più seminato. Il motivo? Eravamo arrivati a vendere il Carnaroli, una delle qualità più pregiate e coltivabili nei nostri terreni che sono sani, a 29 euro al quintale. Negli anni d’oro ce lo pagavano 70 euro al quintale. A 29 euro non ci conviene. I costi di produzione (gasolio, sementi, diserbanti, attrezzature, affitti) sono in aumento. Senza dimenticare le nutrie che fanno voragini nel terreno e sono ghiotte di riso». «Al posto della risaia adesso ho mais e grano tenero – aggiunge – Mi spiace perché sono un appassionato di riso. Non escludo in futuro un ritorno, se le condizioni saranno cambiate». «Il calo delle risaie è in buona parte dovuto alla continua richiesta di terreno per la coltivazione di mais destinato a biomasse – afferma Giancarlo Casarotti, 68 anni, che coltiva 30 ettari di riso qualità Carnaroli e Vialone Nano a Roverbella (Mantova) -. Le condizioni climatiche incerte, che nel 2013 hanno notevolmente ridotto le rese, i costi produttivi in aumento con conseguente scelta di coltivazioni meno onerose come soia e mais, una remunerazione al ribasso passate in un anno da 75 a 62 euro al quintale per la varietà Carnaroli, sono le altre cause che hanno contribuito a questo calo. La mia azienda riesce a mantenere una coltivazione costante in quanto oltre il 75% della produzione viene lavorata nei nostri impianti e destinata alla vendita diretta in azienda. Buone le quotazioni del Vialone Nano, che in alcuni casi è arrivato a punte di 90 euro a quintale». Ma non semprele quotazioni non sempre coprono le spese, in particolare per le varietà Indica, quest’anno a 25 euro al quintale. Mentre il Carnaroli oscilla fra i 60 e i 65 euro al quintale e l’Arborio fra i 52 e i 68 euro al quintale. Il tutto con una situazione a livello regionale – spiega la Coldiretti Lombardia – che dal 2013 a oggi ha visto le superfici passare da 98.842 ettari a 87.392. Il record al ribasso spetta al Lodigiano dove si è perso quasi il 48% con la cancellazione di quasi mille ettari di risaie (da 2.082 a 1.088), a Mantova si è scesi da 1.182 a 904 ettari con una perdita del 23,5%, mentre a Milano il calo ha sfiorato il 15% (da 13.522 a 11.529). Negative anche la Lomellina con un meno 7,73% (da 62.918 a poco più di 58 mila ettari) e il Pavese con meno 17,35% (da 19.131 a 15.812 ettari). (30.05.14)

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI