SEMINA SU SODO ANCORA DA MIGLIORARE

Le conclusioni di Sacco al convegno Ristec

Il professor Dario Sacco, dell’Università di Torino, ha presentato alcuni studi relativi alle tecniche di agricoltura conservativa in risaia (minima lavorazione o semina su sodo) al convegno Ristec del 15 aprile. Ecco le sue conclusioni: «Le potenzialità produttive sono simili fra aratura e minima lavorazione ma la semina su sodo è penalizzata dal ridotto investimento iniziale, si creano aree senza piante a causa di difficoltà di germinazione:  problematica che necessita miglioramenti degli apparati meccanici utilizzati  per la semina. Anche le paglie devono essere distribuite omogeneamente durante le operazioni di raccolta. Importantissima la scelta varietale, da eseguire in base al tipo di apparato radicale, l’indice di accestimento e il numero di spighette per pannocchia; fondamentale per ridurre il divario produttivo, nonostante permanga il problema fallanze alla semina e quello delle infestanti». Autore: Ezio Bosso

Categorie
Tecnica
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI