Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

LA SICCITA’ TAGLIA LE SEMINE DI RISO IN SPAGNA

Siviglia
Spagna: un rapporto pubblicato dall’Unione dei Piccoli Agricoltori (UPA) alla fine di aprile indica che quest’anno l’area di semina del riso sarà ridotta rispetto all’anno scorso. Nel 2023, quindi, meno di 58.000 ettari saranno dedicati alla coltivazione del riso. LEGGI L’ARTICOLO QUI

RISO COLPITO PER IL SECONDO ANNO CONSECUTIVO

Secondo il rapporto, il riso è un altro seminativo irriguo maggiormente colpito dalla siccità per il secondo anno consecutivo. Già la scorsa stagione non si sono raggiunti i 58.000 ettari per gli 84.000 del 2021. Quest’anno le previsioni per la superficie seminata sono peggiori.
Molteplici le ragioni di questa situazione: da un lato, la siccità accumulata negli ultimi anni riduce la superficie coltivabile nel Paese. Poi, l’irregolarità delle precipitazioni di quest’anno e l’instabilità climatica, con temperature più alte del solito,alterano i tempi abituali di coltivazione del riso, impedendone crescita e sviluppo adeguati.
La situazione di siccità e l’irregolarità delle precipitazioni causano danni significativi al suolo. Qui, il suolo è stressato e perde parte delle sue proprietà fondamentali per la coltivazione del riso, a causa della perdita della capacità di ritenzione idrica.

SICCITA’ IN SPAGNA: EFFETTI INDIRETTI

Inoltre, tutti questi fattori favoriscono la comparsa di parassiti nel riso, sia nel cereale seminato che in quello già raccolto. Infatti, l’anno scorso la mancanza di precipitazioni ha portato all’irrigazione con acqua di bassa qualità e alta salinità, riducendo la qualità e il volume del riso seminato. Parassiti come la pyricularia, il brusone, possono causare perdite significative.

LIMITAZIONI ALL’IRRIGAZIONE IN SPAGNA

Data la situazione di siccità di quest’anno e dell’anno scorso, molte confederazioni idrografiche hanno già stabilito restrizioni all’irrigazione. Un fattore che colpisce maggiormente le colture irrigue come il riso.

Secondo i sindacati degli agricoltori, molte di queste aziende risicole sono già colpite nelle zone dell’Estremadura e dell’Andalusia. Tuttavia, si tratta di una situazione generalizzata in molte aree risicole.
In ogni caso, secondo l’UPA , sarà fondamentale conoscere le aree con restrizioni e l’entità di queste per valutare la riduzione delle produzioni e le perdite per il settore. Anche se con questi dati, colture come il riso quest’anno saranno impossibili da mantenere, sottolineano nel rapporto, con probabili ripercussioni sui prezzi al consumo nel prossimo futuro.

Puoi seguirci anche sui social: siamo presenti su facebookinstagram e linkedin. Se vuoi essere informato tempestivamente delle novità, compila il modulo newsletter e whatsapp presente in home page. Se vuoi leggere ricette e notizie sul riso in cucina trovi tutto su http://www.risotto.us e se vuoi comprare dell’ottimo riso in cascina collegati a http://www.bottegadelriso.it 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter e al servizio Whatsapp!

Informativa sulla Privacy

Informativa sulla Privacy - WhatsApp

Cliccando "Accetto le condizioni" verrà conferito il consenso al trattamento dei dati di cui all’informativa privacy ex art. 13 GDPR. *

* Campo obbligatorio