LA CONDIZIONALITA’ NELLA NUOVA PAC

La Commissione ha illustrato i nuovi obiettivi ambientali della Pac 2020: si parte dai GAEC

La Commissione ha illustrato in questi giorni i nuovi obiettivi ambientali della nuova Pac, che entrerà in vigore dal 2020: svolgerà un ruolo fondamentale nello sviluppo di un settore agricolo pienamente sostenibile che supporti l’ambiente, fronteggi il cambiamento climatico e migliori la vita rurale fornendo inoltre alimenti sicuri e di alta qualità ad oltre 500 milioni di consumatori. Investire, sostenere e premiare gli agricoltori dell’Ue è fondamentale per proteggere l’ambiente e migliorare l’efficienza e il ritorno economico, osserva Bruxelles. Aumentare la formazione e il trasferimento delle conoscenze, ristrutturare e adattare le pratiche agricole, sostenere una migliore gestione del territorio, adottare la digitalizzazione e la tecnologia è il futuro dell’alimentazione e dell’agricoltura, è il suo messaggio.

Tre su nove sono ambientali

Tre dei nove obiettivi futuri della Pac mirano a migliorare e le azioni e ambizioni in materia di ambiente e cambiamenti climatici, contribuendo alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti del clima nonché all’energia sostenibile; promuovere lo sviluppo sostenibile e una gestione efficiente delle risorse naturali come l’acqua, il suolo e l’aria; contribuire alla protezione della biodiversità, servizi ecosistemici avanzati e conservazione di habitat e paesaggi.

Condizionalità rafforzate ed ecoprogrammi

La Commissione europea propone di offrire agli Stati membri il sostegno, la flessibilità, gli strumenti basati su prove concrete e la responsabilità di essere ambiziosi nel definire la progettazione e il finanziamento di regimi ambientali e climatici. Ciò avverrà mediante condizionalità rafforzate ed ecoprogrammi per il sostegno al reddito e misure agroambientali-climatiche per lo sviluppo rurale, in conformità con le loro esigenze e condizioni locali.

Cambia la condizionalità

La condizionalità è parte integrante del futuro quadro della Pac e sostituisce l’inverdimento e la condizionalità dell’attuale PAC. Stabilisce la linea di base per impegni agricoli più ambiziosi e sostenibili attraverso l’adozione di buone pratiche e norme agricole da parte degli agricoltori. La condizionalità collega il sostegno al reddito (e altri pagamenti basati sull’area e sugli animali) a pratiche e norme agricole rispettose dell’ambiente e del clima note come “Buone condizioni agricole e ambientali” (Gaec) e Requisiti di gestione obbligatori (Smr). Queste pratiche e questi standard mirano a fornire un livello più elevato di azione ambientale e climatica.

I Gaec

I Gaec definiscono gli standard per mitigare e adattarsi ai cambiamenti climatici; affrontare le sfide idriche; protezione del suolo e qualità; gestione del territorio; e protezione e qualità della biodiversità. Ci sono un totale di 10 Gaec nella nuova Pac, 3 nuovi Gaec in più rispetto all’attuale formulazione della politica agricola.

Per quanto riguarda il cambiamento climatico, le condizioni sono formulate come segue:

GAEC 1 – Pascoli permanenti.

GAEC 2 – Conservazione di terreni ricchi di carbonio come torbiere e zone umide (nuovo).

GAEC 3 – Mantenimento della sostanza organica del suolo attraverso il divieto di bruciare le stoppie.

Per quanto riguarda l’acqua:

GAEC 4 – Istituzione di strisce tampone lungo i corsi d’acqua.

GAEC 5 – Uso obbligatorio del nuovo Farm Sustainability Tool for Nutrients (nuovo).

Protezione e qualità del suolo:

GAEC 6 – Gestione minima del terreno sotto lavorazione del terreno per ridurre il rischio di degrado del suolo, anche in pendenza.

GAEC 7 – Nessun suolo nudo nel periodo più delicato.

GAEC 8 – rotazione delle colture (sostituisce la diversificazione delle colture).

Per quanto riguarda infine biodiversità e paesaggio:

GAEC 9 – Manutenzione di elementi e aree non produttivi, compresa una quota minima di superficie agricola destinata a caratteristiche o aree non produttive, conservazione di elementi paesaggistici, divieto di tagliare siepi e alberi durante la stagione di nidificazione e allevamento degli uccelli e come opzione, misure per evitare specie di piante invasive (sostituisce le aree di interesse ecologico).

GAEC 10 – Divieto di convertire o arare prati permanenti nei siti Natura 2000 (nuovo). (L’ANALISI PROSEGUIRA’ CON GLI SMR) Autore: Manuela Indraccolo

Categorie
Non solo riso
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI