IL CANALE CAVOUR FESTEGGIATO A ROMA

Celebrati i 150 anni dell'opera irrigua piemontese. L'Anbi rilancia

fede_ranghino_dsc0665Il Canale Cavour è un esempio per il Paese: «Bisogna individuare le opere per l’irrigazione come infrastrutture strategiche per il Paese: ciò significa riportare l’agricoltura al centro dello sviluppo economico, perché il mondo ha fame dell’agroalimentare italiano come ha dimostrato l’Expo Milano. I Consorzi di bonifica vogliono vincere questa scommessa» ha detto Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi di Gestione Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), intervenendo oggi alla celebrazione dei 150 anni del Canale Cavour, tenutasi a Roma nel “Parlamentino” del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, presenti il titolare del dicastero, Maurizio Martina, nonchè numerosi Sindaci di comuni  piemontesi e lombardi, bagnati dall’arteria irrigua, che ha cambiato non solo l’agricoltura, ma l’intera economia della Regione e del Paese Italia. Nel corso dell’incontro è stata anche annunciata la prossima convenzione tra le Regioni Piemonte e Lombardia per migliorare la gestione del reticolo idraulico comune. Numerosi i risicoltori vercellesi presenti alla giornata che ha celebrato questo storico traguardo. (Foto di Fede Ranghino)

Categorie
Non solo riso
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI