«ECCO PERCHÈ IL BRUSONE DILAGA»

Abbiamo intervistato il tecnico Vincenzo Antonino su una problematica scottante
Vincenzo Antonino
Vincenzo Antonino
E’ stata un’annata strana, sotto il profilo del brusone. L’infezione è stata più annunciata che verificata, anche se poi i segni si sono visti in campo e il raccolto non esaltante potrebbe essere una conseguenza anche (non solo, ma anche) di questo problema. Che riguarda sia le varietà da interno sensibili e quelle medio resistenti, visto che le varietà realmente resistenti sono poche. Secondo il tecnico di Cariso Vincenzo Antonino, molti dei problemi con la Pyricularia iniziano al momento di concimare, perché, come ci spiega in questa videointervista, i risicoltori italiani «utilizzano oltre 150 unità di azoto per ettaro mentre dovrebbero fermarsi a 90 secondo il genotipo e scendere nel caso del Carnaroli, ad esempio, a quota 70/80. Inoltre, bisogna sempre proteggere i risi sensibili ed evitare di seminarli fitti, perché in quel modo si creano le condizioni ottimali per l’infezione».

Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram, TwitterLinkedin 

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI