DENOMINAZIONE DI ORIGINE PER IL BASMATI

L'India ha richiesto all'Unione Europea un'esclusiva etichetta relativa alla denominazione di origine per il riso Basmati
basmati
01Mentre il Pakistan deve ancora conclude l’iter di applicazione della legge sulle Indicazioni Geografiche (IG) promulgata nel marzo di quest’anno, l’India ha richiesto all’Unione Europea un’esclusiva etichetta relativa alla denominazione di origine per il riso Basmati. Lo riferisce Gaotrade nel suo rapporto “the Rice”.

Riso Basmati: prodotto di origine indiana

L’Ue ha successivamente pubblicato la richiesta dell’India nella sua Gazzetta ufficiale dell’11 settembre 2020, indicando il riso Basmati come prodotto di origine indiana, nonostante il fatto che un riso analogo sia ampiamente prodotto in Pakistan.
È interessante notare che i funzionari del Ministero del Commercio, quando sono stati contattati, non erano a conoscenza di questo importante sviluppo che alla fine potrebbe danneggiare le esportazioni del Pakistan verso i paesi europei.
All’inizio del mese scorso, il consigliere del primo ministro per il Commercio Abdul Razak Dawood aveva ordinato ai funzionari di attuare il percorso per arrivare all’indicazione geografica: la legge è stata promulgata in Pakistan più di cinque mesi fa, dopo quasi 18 anni, ha approvato nel marzo di quest’anno la legge sulle indicazioni geografiche (registrazione e protezione).
Secondo la Gazzetta ufficiale dell’Ue, qualsiasi Paese può opporsi alla domanda di registrazione di una denominazione ai sensi dell’articolo 50, paragrafo 2, lettera a), del regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari entro tre mesi dalla data di pubblicazione.

Le caratteristiche del riso Basmati

Come indicato nella domanda indiana, il basmati è un riso aromatico a grani lunghi speciale coltivato e prodotto in una particolare regione geografica del subcontinente indiano. In India, questa regione fa parte dell’India settentrionale, al di sotto delle colline dell’Himalaya che fanno parte delle pianure indo-gangetiche (IGP). Le caratteristiche peculiari dei basmati sono i suoi lunghi e sottili chicchi con un elevato rapporto lunghezza/larghezza, un aroma squisito, un gusto dolce, una consistenza morbida, una curvatura delicata, un contenuto intermedio di amilosio, un’elevata integrità dei chicchi in cottura e un allungamento lineare dei chicchi con un rigonfiamento minimo di ampiezza in cottura.
Inoltre, l’India sostiene che il basmati viene coltivato e prodotto in tutti i distretti degli stati di Punjab, Haryana, Delhi, Himachal Pradesh, Uttarakhand, così come in specifici distretti dell’Uttar Pradesh occidentale e Jammu & Kashmir.
È interessante notare che, a sostegno della sua affermazione, l’India ha fatto riferimento anche a vari dizionari come Oxford Dictionary che definisce il basmati come “una sorta di riso indiano a chicco lungo con una delicata fragranza”, il dizionario francese Larousse, che definisce il basmati come “un riso indiano a chicco lungo, molto apprezzato” e il dizionario alimentare Cassell che lo definisce come “un tipo superiore di riso bianco indiano a chicco lungo e slanciato”.

Il Basmati è indiano o pakistano?

L’India ha fatto riferimento anche ad altri rapporti per dimostrare che il riso basmati è di origine indiana senza menzionare che lo stesso è prodotto in Pakistan. Taufiq Ahmed, leader nell’esportazione del riso ed ex portavoce della Rice Exporters Association of Pakistan (Reap), afferma che la richiesta indiana all’Ue deve essere contrastata immediatamente, poiché danneggerebbe gravemente le esportazioni dei prodotti pakistani verso i paesi europei.
Ha detto che, nonostante le ripetute richieste e i solleciti, le autorità pakistane hanno ignorato questo grave problema per anni e ora, se il problema non verrà risolto rapidamente, non avranno altra scelta che vendere riso basmati con un nome o un marchio indiano.
« Oltre ad opporsi al tag GI dell’UE, il Pakistan deve anche consultare i dizionari internazionali per rettificare la definizione, dato che lo stesso riso è prodotto in gran parte in Pakistan.
Purtroppo, l’India sta registrando anche il sale dell’Himalaya e il Multani Matti con nomi indiani sul mercato internazionale», ha aggiunto.
Secondo un funzionario dell’Organizzazione per la Proprietà Intellettuale, un dipartimento annesso del Ministero del Commercio che ha redatto la legge sulle indicazioni geografiche, la richiesta indiana sarebbe sicuramente osteggiata nell’Ue. Con questa nuova norma il Pakistan potrà occuparsi della questione di tutti i prodotti a denominazione protetta di origine pakistana con l’Ue.
Secondo i funzionari, il Basmati era già riconosciuto come prodotto sia dell’India che del Pakistan nel regime europeo del riso e nel suo regime di esenzione dai dazi, e questo di fatto rende illegale per l’India la rivendicazione di diritti esclusivi del Basmati nell’Ue.
Si può ricordare in questa sede che sia l’India che il Pakistan hanno approvato la legge sulle indicazioni geografiche che include il basmati. La protezione delle indicazioni geografiche ha lo scopo di incentivare le esportazioni, contribuire a sostenere lo sviluppo rurale del Paese e migliorare il sostentamento dei produttori agricoli e degli artigiani specializzati.
I Paesi membri dell’Organizzazione Mondiale del Commercio devono dare protezione alle IG ai sensi dell’articolo 22-24 dell’accordo sugli aspetti dei diritti di proprietà intellettuale attinenti al commercio (TRIPs). A meno che il Pakistan non fornisca protezione alle rispettive indicazioni geografiche, non può ottenere la reciprocità per i propri prodotti in altri Paesi prive di una normativa analoga, che copre un’ampia varietà di prodotti industriali, agricoli e orticoli, tra gli altri.

Esportazione del riso Basmati: i dati

Sempre in riferimento al basmati, l’Iran ha iniziato a piazzare ordini in Pakistan, sollevando le preoccupazioni degli esportatori indiani che hanno bloccato le esportazioni verso la nazione del Golfo a causa del mancato pagamento di considerevoli partite di riso.ea.
«Sì, abbiamo sentito che l’Iran ha fatto qualche ordine al Pakistan di recente – conferma  Vinod Kaul, direttore esecutivo di All India Rice Exporters’ Association (AIREA) – Non è niente di insolito. Tuttavia, il Pakistan esporta 6 tonnellate di riso basmati lakh sui mercati mondiali, mentre l’India esporta 4,4 – 4,5 milioni di tonnellate»,
Kaul ha detto che si tratta di un fenomeno temporaneo e una volta che l’Iran avrà saldato i suoi debiti, l’India ricomincerà ad esportare verso la nazione. L’Iran rappresenta il 34% delle esportazioni basmati dell’India verso i mercati d’oltreoceano. Kaul ha sottolineato che gli esportatori sono preoccupati per quando potranno avere i propri soldi. Inoltre, se il Pakistan aumenta gradualmente la sua presenza in Iran, a lungo termine, potrebbe creare qualche problema agli esportatori indiani.
Uno studio ha dichiarato che l’Iran, che importa circa 1,3 milioni di tonnellate di riso basmati all’anno, dovrebbe registrare un volume inferiore del 20 per cento rispetto all’India, dato che le questioni relative ai pagamenti continuano a causa delle sanzioni statunitensi.
L’India e l’Iran stanno discutendo il sistema del baratto da quasi un anno ormai, da quando l’amministrazione Trump ha iniziato a imporre severe sanzioni economiche a Teheran. L’Iran ha proposto l’acquisto di riso basmati, zucchero e medicine dall’India al posto dei fertilizzanti.
Le esportazioni con l’Iran riprenderanno perché la produzione di basmati dovrebbe essere più alta quest’anno. Nell’ultima stagione di kharif, l’India ha prodotto 7,5 milioni di tonnellate di riso basmati. «Quest’anno la superficie è aumentata e ci aspettiamo 8 milioni di tonnellate di riso», ha aggiunto Kaul.
Il raccolto dell’Iran comincerà ad arrivare entro ottobre e quindi il Paese non avrà bisogno di basmati importato.
Se vuoi seguirci sui social, collegati alle nostre pagine Facebook, Instagram, TwitterLinkedin 
Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI