CLAUSOLA, COLDIRETTI SPRONA L’UE

Dellarole: allarmante aumento delle importazioni da Myanmar

I dati sull’import di riso dal Myanmar confermano “la necessità di una rapida conclusione dell’inchiesta sulla clausola di salvaguardia: gli importatori stanno riempiendo i magazzini in previsione di un rialzo dei dazi e l’Europa non può più aspettare” ci dichiara Paolo Dellarole, di Coldiretti, che torna anche sull’importanza “dell’etichettatura obbligatoria per dare concretezza al nostro impegno etico verso il consumatore e non solo. Non dimentichiamo infatti che nell’ex Birmania impiegano bambini nella coltivazione del riso e deportano intere popolazioni per intensificarla” dice, riferendosi allo scandalo dei Rohingya.  Nei giorni scorsi, l’Ente Risi ha pubblicato i dati sull’import dai Pma da cui si evince che “ per la prima volta da quando l’Ue ha accordato al Myanmar di poter importare riso a dazio zero, il livello di importazione nel periodo compreso tra settembre 2017 – luglio 2018, ha raggiunto, per il riso semilavorato e lavorato, un volume record di 109.557 tonnellate rispetto alle 65.800 tonnellate della scorsa campagna. Nel dato, si precisa, non sono comprese le rotture di riso che fanno segnare anch’esse un grave aumento, situandosi a 282.489 tonnellate (+19.422 t, +7,4%) rispetto allo scorso anno”.

Categorie
Risicoltura
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI