VERCELLI NELLA RETE SOSTENIBILE

Con il progetto Farm Network soluzioni innovative e sostenibili

L’obiettivo è sciogliere l’ultimo nodo e l’ultimo nodo è questo: «per produrre, l’agricoltura ha bisogno di un ambiente sano. Al tempo stesso, la popolazione mondiale cresce e chiede agli agricoltori di produrre più cibo. Come possono gli agricoltori bilanciare tutte queste richieste e aumentare la produzione in modo sostenibile?» BASF contribuisce al dibattito con il progetto Farm Network, che, come dice la società tedesca, «offre soluzioni pratiche per aiutare l’imprenditoria agricola ad andare incontro al futuro». Questo lo leggiamo sul portale che presenta l’iniziativa globale, ma quel che pochi sanno è che questa rete di esperienze in pieno campo passa anche dalle risaie vercellesi. Più precisamente passa da Trino Vercellese, ancor più precisamente dalla tenuta Darola.

Esperienze in pieno campo

Esperienze in pieno campo: non parliamo insomma di parcelle ma di test eseguiti su decine di ettari, che permettono di ricavare solidi dati sulla sostenibilità ambientale ma anche su quella economica delle coltivazioni, in questo caso di riso. Siamo ben oltre l’esperimento, insomma. Non a caso, la scelta è caduta sulla Tenuta Darola, un’eccellenza italiana nella produzione di riso di qualità. Oltre 400 ettari, gestiti dalle famiglie Coppo e Garrione e una storia aziendale di elevato livello tecnico e tecnologico.

Sinergia per la risicoltura

«La partnership con noi inizia nel 2017 – spiega Claudio Pivi (Crop & Portafoglio Manager) – proprio attraverso Farm Network, per celebrare la risicoltura di qualità made in Italy, tutelarla e valorizzarla attraverso l’innovazione sostenibile. Insieme ad esperti universitari e istituti di ricerca abbiamo creato un sistema eterogeneo di competenze che operano in sinergia».

Nuove varietà tolleranti agli erbicidi

Quest’ anno su 60 ettari della Darola sono stati seminate varietà di riso resistenti al Cycloxydim che hanno pienamente soddisfatto le attese. Le varietà utilizzate sono studiate per consentire all’agricoltore di combattere le infestanti senza ricorrere alla falsa semina. Il target in questo caso sono crodo e graminacee e la possibilità di testare l’uso di varietà e prodotti in pieno campo costituisce un’autentica prova del nove per i prodotti della società tedesca ma anche per il loro impatto ambientale.

I valori del Farm Network

«Farm Network si basa sulla condivisione di valori quali innovazione, sostenibilità, trasparenza e responsabilità – spiega Pivi -. Ci si concentra, tutti insieme, sulla risicoltura di eccellenza e su come questa grande Storia possa ancora conciliare la redditività del produttore, la qualità del raccolto e il rispetto di operatori, consumatori e ambiente. Infatti, i progetti e le soluzioni che applichiamo in risaia sono finalizzati contemporaneamente a protezione del raccolto, produzione di qualità e tutela dell’ambiente: questi sono gli obiettivi che ci diamo nei test con agrofarmaci e sistemi innovativi, come nella messa a punto di soluzioni funzionali e di misure indirizzate alla gestione delle risorse azotate».

Il contagio delle soluzioni

A Farm Network partecipano consulenti esterni, Università e altre società dell’agrobusiness, impegnati nella pianificazione, nella  realizzazione e nella lettura dei risultati, che vengono poi condivisi con la rete mondiale, perché possa generarsi il “contagio delle soluzioni”. Periodicamente, inoltre, vengono organizzate visite in campo, e non soltanto per addetti ai lavori: proprio perché la sostenibilità è un valore comune, anche gruppi di studenti visitano la piattaforma, nell’ambito di giornate di formazione specificamente dedicate alle soluzioni Farm Network. (Nella foto, gli studenti dell’Università di Piacenza in visita a Farm Network, di seguito il video realizzato alla Tenuta Darola)

Categorie
Prodotti in campo
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI