«SUL BILANCIO SI PERDE TEMPO»

Commissione in pressing sugli Stati membri

Nuovo bilancio Ue, non c’è più tempo: in vista della riunione del Consiglio europeo del 17 e 18 ottobre, la Commissione europea invita i capi di Stato o di governo dell’UE a fornire orientamenti politici e nuovo slancio ai negoziati al fine di raggiungere un accordo sul bilancio 2021-2027 prima della fine dell’anno, per un’Unione europea a lungo termine equa, equilibrata e moderna. Tra le voci più importanti, c’è come sempre quella del finanziamento all’agricoltura.

Il prossimo quadro finanziario pluriennale (QFP) dovrebbe essere adeguato alle sfide attuali in modo da consentire all’Ue di soddisfare le aspettative dei cittadini.

«Nella primavera dello scorso anno – spiega il commissario al bilancio e  risorse umane, Günther H. Oettinger – la Commissione ha presentato una proposta sul prossimo bilancio a lungo termine dell’UE che tutti hanno riconosciuto come una solida base per i negoziati. 16 mesi dopo, il lavoro è progredito ma il tempo sta finendo. Ora tutti devono lavorare per raggiungere un compromesso. Dovremmo rimboccarci le maniche e percorrere il tratto finale. In un momento di grandi sfide, l’Europa non può permettersi un ritardo del suo bilancio a lungo termine. I nostri cittadini sono in attesa di vedere i risultati, ora è il momento di assumersi la responsabilità. È il momento di decidere».

In linea con le conclusioni della riunione del Consiglio europeo del 20 e 21 giugno 2019, un accordo sul prossimo bilancio a lungo termine dell’UE dovrebbe essere raggiunto entro la fine dell’anno. La Commissione ritiene che attenersi a questo calendario sia essenziale, per le centinaia di migliaia di studenti, agricoltori e ricercatori in tutta Europa, nonché per tutti coloro che beneficiano del bilancio europeo.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI