Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

MERCOSUR, PARIGI DICE NO

da | 9 Feb 2021 | Internazionale

La Francia «non firmerà in questa fase» l’accordo di liberalizzazione del commercio tra l’UE e il Mercosur, ha detto il ministro del commercio estero francese giovedì 4 febbraio, aggiungendo che «si aspetta garanzie» dal blocco sudamericano su «standard ambientali e sanitari», secondo il sito http://www.euractiv.eu. L’accordo commerciale include anche una parte che si riferisce all’importazione di riso, con la possibilità da parte del Mercosur di esportare nell’UE 60.000 tonnellate di riso a dazio zero. «Questo non significa il nostro ritiro, ma saremo soddisfatti solo con una dichiarazione politica sugli impegni ambientali da parte dei quattro paesi coinvolti [Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay], e questo richiederà molto tempo », ha affermato il ministro francese del commercio Franck Riester dopo una riunione del comitato di controllo della politica commerciale, che riunisce parlamentari, funzionari, organizzazioni non governative (Ong), sindacati e datori di lavoro.
Il primo ministro portoghese, António Costa, aveva precedentemente indicato di aver concordato con il presidente argentino Alberto Fernández un «coordinamento degli sforzi » per portare avanti l’accordo tra l’Unione europea e il Mercosur durante i sei mesi in cui il Portogallo detiene la presidenza di turno dell’Ue.
«Ho parlato con Alberto Fernández del coordinamento degli sforzi tra la presidenza portoghese del Consiglio dell’Ue e la presidenza ‘pro tempore’ del Mercosur per portare avanti l’accordo Ue-Mercosur», ha scritto Costa sul suo account Twitter ufficiale dopo una videoconferenza con Fernández, il cui paese attualmente presiede il blocco sudamericano. «Il Portogallo e l’Argentina sono entrambi impegnati nell’accordo, e lavoreremo insieme durante questo periodo di sei mesi», ha aggiunto, evocando la «vicinanza storica» tra i due paesi «nel momento in cui assumiamo le presidenze a rotazione dell’UE e del Mercosur».
La videoconferenza tra il primo ministro portoghese e il presidente argentino arriva giorni dopo i contatti tra i ministeri degli esteri portoghese e argentino per risolvere gli aspetti in sospeso per l’entrata in vigore dell’accordo commerciale. Portogallo e Argentina hanno concordato che concentreranno i loro sforzi sulle questioni che ancora impediscono la ratifica dell’accordo, che dovrà passare attraverso il Parlamento europeo e i congressi di ogni paese del Mercosur (Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay). Tuttavia, il trattato può entrare in vigore unilateralmente tra l’Europa e ogni paese del Mercosur che approva il testo. Le questioni in sospeso includono aspetti tecnici come le liste di indicazioni geografiche, che coprono i prodotti con denominazione d’origine, e questioni di forte rilevanza politica come la questione ambientale, che è stata messa in discussione da paesi europei come la Francia. L’accordo UE-Mercosur è stato chiuso nel luglio 2019, dopo 20 anni di negoziati.