Ricerca Avanzata





Data inizio:

Data fine:

MERCATO TRANQUILLO IN AMERICA E AFRICA

da | 19 Apr 2021 | Internazionale

Negli Stati Uniti, i prezzi del riso sono diminuiti del 2% in un mercato piuttosto tranquillo. In marzo, le esportazioni hanno superato a malapena le 220.000 tonnellate rispetto alle 300.000 tonnellate di febbraio. L’America centrale e i Caraibi rimangono i principali mercati accogliendo quasi il 60% delle esportazioni statunitensi. A marzo, il prezzo indicativo del riso Long Grain 2/4 è stato di 579 dollari contro i 589 dollari di febbraio. All’inizio di aprile, il prezzo era stabile. Al Chicago Board of Trade, i prezzi a termine del risone sono cresciuti leggermente, con una media di 290 dollari/t contro 287 dollari. All’inizio di aprile, i prezzi erano stabili.

Nel Mercosur, i prezzi all’esportazione sono scesi leggermente dello 0,5% in un mercato abbastanza tranquillo. Il raccolto è quasi finito e sembra di livello piuttosto buono, specialmente in Brasile e Uruguay. Al contrario, la produzione paraguaiana dovrebbe diminuire del 30% a causa delle cattive condizioni meteorologiche. A marzo, le esportazioni brasiliane sono aumentate di nuovo a 72.000 tonnellate (base lavorata) rispetto alle 57.000 tonnellate di febbraio. febbraio. Tuttavia, sono in calo del 13% rispetto allo stesso periodo del 2020. In Uruguay, le esportazioni stanno aumentando, ma restano in diminuzione del 40% rispetto al 2020. Il prezzo indicativo del risone brasiliano è sceso di un ulteriore 6% a 305 dollari/ton contro 325 dollari a febbraio. All’inizio di aprile era ancora intorno ai 308 dollari.

Nell’Africa sub-sahariana, i prezzi interni hanno mostrato lievi aumenti a causa di una ripresa degli scambi. Le scorte sono relativamente basse e la domanda di importazioni tende ad aumentare. La produzione nel 2020/2021 non dovrebbe aumentare di molto nel complesso, nonostante le buone piogge del 2020. Le richieste di importazione dovrebbero ribalzare bruscamente del 15% a 17,8 milioni di tonnellate nel 2021 contro i 15,6 milioni di tonnellate nel 2020, pari al 37% delle importazioni mondiali.  Il rapporto completo può essere scaricato solo dal sito www.infoarroz.org.