LE EMISSIONI DI GAS SERRA MIGLIORANO

Relazione della corte dei conti europea

I dati sulle emissioni di gas a effetto serra dell’Unione Europea sono in linea con i requisiti internazionali e i resoconti delle emissioni sono migliorati nel tempo, secondo una nuova relazione della Corte dei conti europea. Tuttavia, sono necessari maggiori approfondimenti in settori specifici come l’agricoltura e la silvicoltura, affermano i revisori: la coltivazione del riso è considerata una delle attività agricole che contribuisce in modo sostanziale a questo processo; quindi in Italia e Spagna vengono condotti numerosi test per ridurre le emissioni dalle risaie.

Le istituzioni europee suggeriscono inoltre ulteriori miglioramenti nella comunicazione di come le politiche di mitigazione nazionali e dell’Ue contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni per il 2020, 2030 e 2050. L’Unione partecipa agli sforzi globali per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, mirando a ridurre del 20% entro il 2020, del 40% entro il 2030 e dell’80-95% entro il 2050. Per monitorare i progressi compiuti verso questi obiettivi, l’Ue e i suoi Stati membri segnalano le emissioni dei loro gas a effetto serra ogni anno. Elaborano inoltre proiezioni per stimare i progressi futuri nella riduzione delle emissioni e per indicare se le politiche e le misure di mitigazione saranno efficaci: una scelta che avrà sicuramente conseguenze  anche sulle decisioni relative alla prossima Pac.

I revisori hanno valutato se la Commissione europea, assistita dall’Agenzia europea dell’ambiente, avesse verificato adeguatamente la qualità dei repertori delle emissioni dei gas a effetto serra e delle informazioni sulle riduzioni delle emissioni previste a livello europep. I revisori hanno rivelato che i resconti dell’Ue e degli Stati membri coprivano i sette principali gas a effetto serra e tutti i settori chiave, come richiesto dalle norme internazionali di segnalazione. Hanno anche scoperto che il resconto dell’Unione relativo alle emissioni dei gas a effetto serra è migliorato nel tempo.

Il livello generale di incertezza è diminuito negli ultimi anni, sebbene gli stessi tipi di controlli non siano stati effettuati per il settore dell’uso del suolo, del cambiamento di destinazione del suolo e della silvicoltura come per altri settori. I primi obiettivi sono fissati per il 2030 per quanto riguarda l’uso del suolo e per il 2050 per il trasporto marittimo internazionale, senza obiettivi intermedi o misure di riduzione. L’orientamento e l’assistenza  hanno aiutato gli Stati membri a migliorare le loro previsioni. Tuttavia, avvertono i revisori, la Commissione non ha valutato il rischio di deviazioni significative dal proprio scenario di riferimento globale dell’Ue. Attualmente, le proiezioni aggregate degli Stati membri oltre il 2023 mostrano riduzioni delle emissioni inferiori rispetto allo scenario di riferimento della Commissione.

La Commissione ha recentemente presentato una visione strategica a lungo termine affinché l’Unione diventi neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. Ha inoltre sviluppato diverse tabelle di sviluppo per settori che rappresentano 70 % di emissioni, come i trasporti e l’energia. Tuttavia, non esistono tabelle di marcia specifiche per altri settori chiave, tra cui il settore dell’uso del suolo e l’agricoltura, in quanto la politica agricola comune è definita su un ciclo di 7 anni. Infine, mentre la Commissione effettua controlli di qualità sulle informazioni fornite dagli Stati membri, la comunicazione degli effetti delle misure attuali rimane incompleta. Di conseguenza, la Commissione non è in grado di presentare una visione dettagliata di come le politiche e le misure nazionali e di mitigazione dell’UE contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni per il 2020, il 2030 e il 2050.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI