FIRMA DIGITALE PER IL CREDITO D’IMPOSTA WEB AGRICOLO

Dal 20 al 28 febbraio va inviata la domanda, seguendo scrupolosamente le procedure

Per ottenere il credito d’imposta relativo al web agricolo, deve essere inviata la domanda firmata digitalmente dal 20 al 28 febbraio (indirizzo mail saq3@pec.politicheagricole.gov.it) . Il credito, istituito con il DL 91/2014 per la realizzazione e l’ampliamento di infrastrutture informatiche è utilizzabile esclusivamente in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni e non concorre alla formazione del reddito e del valore della produzione ai fini dell’imposta regionale sulle attività produttive e non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.

Quella che descriviamo rappresenta l’ultima possibilità, salvo proroghe al momento non previste, per poter fruire di tale credito d’imposta, istituito con l’articolo 3, comma 2, D.L. 91/2014, convertito con modifiche con Legge 116/2014, per la realizzazione e l’ampliamento di infrastrutture informatiche; infatti, il credito è stato previsto per il triennio 2014-2016 e la relativa domanda di accesso deve essere inviata entro il prossimo febbraio.

Tale agevolazione ha trovato le regole applicative con il D.M. 273/2015 e, ogni anno, il Mipaaf, ha avuto cura di emanare una circolare esplicativa (circolare 76689 del 17 ottobre 2016).

Punto di partenza è l’individuazione del perimetro soggettivo cui si rende applicabile l’agevolazione individuato, ai sensi dall’articolo 2 del decreto:

  1. nelle piccole e medie imprese e quelle diverse dalle pmi che producono prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura compresi nell’Allegato I del TFEU (Trattato sul funzionamento dell’Unione europea) e
  2. nelle pmi che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell’acquacoltura non compresi nel predetto Allegato I del TFEU.

Per quanto concerne il perimetro oggettivo, la circolare ministeriale ricorda come l’articolo 3, D.M. 273/2015, individui, quali spese agevolabili, esclusivamente quelle sostenute per la realizzazione e l’ampliamento di infrastrutture informatiche che hanno quale fine esclusivo quello di avviare o sviluppare, se già esistente, la vendita di prodotti agricoli via web.

Nello specifico, tali spese sono quelle riconducibili a:

  • dotazioni tecnologiche;
  • software;
  • progettazione e implementazione e
  • sviluppo di database e sistemi di sicurezza.

In riferimento all’ultimo anno di agevolazione, le spese ammesse sono solamente quelle sostenute, nei limiti del loro valore di mercato, nel periodo 1° gennaio – 31 dicembre 2016.

L’articolo 3, comma 4, D.M. 273/2015, ai fini dell’effettività del sostenimento delle spese, rimanda alle regoledi cui all’articolo 109, Tuir, ai sensi del quale le spese di acquisizione dei beni si considerano sostenute alla data della consegna o spedizione, per i beni mobili, e le spese di acquisizione dei servizi si considerano sostenute, alla data in cui le prestazioni sono ultimate. Tuttavia, la circolare 76689/2016 afferma che le stesse debbono essere non solo regolarmente fatturate, ma anche quietanziate. A tal fine, si rende necessaria un’apposita attestazione rilasciata alternativamente dal presidente del collegio sindacale, da un revisore legale, da un professionista abilitato o dal responsabile del Caf.

La domanda deve contenere l’indicazione del credito di imposta spettante, individuato nel rispetto dei seguenti limiti:

  1. 50.000 euro per le pmi operanti nella produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli di cui all’Allegato I del TFUE, a condizione che non siano destinatarie di un ordine di recupero pendente a seguito di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara gli aiuti illegittimi e incompatibili ai sensi dell’articolo 1, del regolamento (UE) n. 702/2014;
  2. sempre 50.000 euro per le pmi per le quali non ricorrano le condizioni di cui al precedente punto e per le imprese non pmi operanti nella trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli di cui all’Allegato I;
  3. 15.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari per le pmi per le quali non ricorrano le condizioni di cui al punto 1) e per le imprese no pmi che operano nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli di cui all’Allegato I;
  4. 30.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari per le imprese operanti nella produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura di cui all’articolo 5, lettere a e b, del regolamento (UE) n. 1379/2013;
  5. 50.000 euro per le pmi che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell’acquacoltura non ricompresi nell’Allegato I del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, alle condizioni stabilite dal regolamento (UE) n. 1407/2013 e
  6. 50.000 euro (determinato applicando in questo caso la percentuale del 20 sulle spese) per le pmi che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell’acquacoltura non ricompresi nell’Allegato I, salvo che le stesse non siano destinatarie di un ordine di recupero pendente a seguito di una precedente decisione della Commissione europea.

A pena di inammissibilità, la domanda deve essere firmata digitalmente e inviata nel periodo compreso tra il 20 e il 28 febbraio 2017 al Mipaaf (indirizzo mail saq3@pec.politicheagricole.gov.it) che dopo aver verificato la completezza delle informazioni richieste e spettanza del credito, determinerà, in funzione delle richieste e dei fondi a disposizione, l’ammontare concedibile alle singole imprese richiedenti.

Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI