CONCESSIONI MEKONG ALL’ORIZZONTE?

Grave crisi idrica e Covid 19 potrebbero incidere sulla politica europea verso i Pma

In Cambogia, dove gran parte dell’economia dipende dalla pesca e dall’agroalimentare, la pandemia da Covid-19 ha avuto un profondo impatto sull’industria, con il risultato di invertire gli sviluppi legati all’obiettivo 8 di sviluppo sostenibile fissato dall’Onu, che include lavoro dignitoso e crescita economica rispetto alla sua comunità di agricoltori, specialmente lungo il bacino del Mekong. Il settore agricolo della Cambogia genera oltre il 20% del suo Pil e occupa circa il 30% della popolazione. La sua posizione nell’Indice globale di sicurezza alimentare è inferiore alla media. Lo riporta un articolo, pubblicato sul Kmertimeskh.com, scritto da Tamanna Dahiya,  stagista della OneWorld Foundation India, uscito originariamente su Global Goals 2030. A questo scenario si aggiunge che il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP) stima che circa il 70% delle aziende agricole cambogiane si dedicano all’agricoltura di sussistenza accettando principalmente prestiti e rimborsandoli dopo la stagione del raccolto. C’è una povertà diffusa nel Paese, con la nazione che rientra nella categoria del basso reddito pro capite. Dopo la crisi del fiume Mekong, circa 45.000 ettari di risaie sono stati danneggiati, creando una crisi del debito per i contadini poveri. I consumatori dall’altra parte dello spettro sono stati duramente colpiti dalla mancanza di cibo, dall’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari di base e dal blocco del reddito causato da Covid-19. Il fallimento degli ultimi monsoni e la presenza di dighe cinesi nella parte settentrionale del bacino hanno scatenato condizioni di siccità che hanno portato alla povertà e all’insicurezza alimentare. Ha colpito i contadini che coltivano riso nei loro campi e i pescatori, che hanno segnalato un calo del 60-70% del volume del pesce a causa delle condizioni di siccità nel bacino del fiume. Nonostante il governo stia lavorando per garantire un funzionamento continuo delle catene di approvvigionamento, la sicurezza alimentare è influenzata dalla mancanza di una rete di reddito sicura per questi abitanti del delta, che sono in balia degli eventi naturali e del tempo. A lungo termine, questa regione dovrà affrontare un duplice attacco alla sicurezza alimentare. In primo luogo, le misure di blocco sotto la pandemia, che hanno causato una carenza di manodopera senza precedenti per l’agricoltura, unite alla siccità che la regione dovrà affrontare, comporteranno un rallentamento delle sue attività sul lato dell’offerta.

Le conseguenze

Ciò si ripercuoterà sulla parità di reddito e sulle catene di approvvigionamento alimentare per la popolazione in Cambogia, Laos, Vietnam, Myanmar e Thailandia. In secondo luogo, a causa della pandemia, la disoccupazione e l’aumento dei prezzi provocheranno una carenza di reddito. Si stima che i prezzi dei prodotti alimentari di base in aree come Siem Reap siano aumentati del 33,33% in Cambogia. Questo avrà un impatto sulla domanda a causa dell’incapacità dei compratori di pagare per i prodotti alimentari come riso e pesce. Una tendenza che potrebbe interrompere le politiche restrittive dell’Unione europea nei confronti dei PMA, Cambogia e Myanmar in testa con ovvie conseguenze commerciali per il riso europeo, che ha beneficiato solo recentemente di una riduzione delle importazioni dall’Asia. Del resto, se non affrontata tempestivamente, la crisi del fiume Mekong, insieme al Covid-19, potrebbe vedere un regresso di qualsiasi progresso non solo sugli obiettivi 1, 2 e 6 dell’SDG per quanto riguarda l’assenza di povertà, la fame zero e l’igiene dell’acqua, ma anche sugli SDG 13 e 14 per quanto riguarda l’azione per il clima e l’uso sostenibile delle risorse idriche.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI