BOLLETTINO NITRATI IN LOMBARDIA

Le regole nelle terre del riso. Ecco come ci si iscrive al bollettino

regionelombTorniamo sull’argomento dei nitrati, sollevato dall’Ordine degli Agronomi della Provincia di Milano, per ricordare che a partire dal 31 ottobre 2016, con l’attuazione del decreto n. 10607 del 25 ottobre 2016, il Bollettino Nitrati regola in modo vincolante i divieti temporali di distribuzione di letami, liquami e materiali assimilati, fanghi, acque reflue e altri fertilizzanti organici e azotati nei mesi di novembre e febbraio, su tutto il territorio della Lombardia. Resterà invece in vigore il blocco continuativo dal 1 dicembre 2016 al 31 gennaio 2017 compresi.

Le principali novità per la Lombardia – avverte Confagricoltura Pavia – sono: dei 90 giorni di blocco delle distribuzioni, 62 saranno continuativi dal 1 dicembre a 31 gennaio compresi, mentre nei restanti mesi di novembre e di febbraio, i divieti saranno definiti in funzione dell’andamento meteorologico e delle necessità agronomiche e gestionali; il territorio della Lombardia è stato suddiviso in 6 Zone Pedoclimatiche omogenee: le province di Pavia, Milano e Lodi sono nella Zona 4 – Pianura occidentale.

Il Bollettino Nitrati riporta indicazioni vincolanti in termini di divieto/non divieto di distribuzione, con frequenza bisettimanale: una al lunedì, con validità per le giornate di martedì, mercoledì e giovedì, e una al giovedì con validità per le giornate di venerdì, sabato, domenica e lunedì.

E’ tenuto a rispettare il Bollettino Nitrati chi distribuisce letami, liquami e materiali ad essi assimilati, fanghi, acque reflue e altri fertilizzanti organici e azotati di cui al cap. 3-b del Programma d’Azione per le Zone Vulnerabili da Nitrati e delle Linee Guida per le Zone non Vulnerabili da Nitrati.

Per le aziende aderenti alla Deroga Nitrati 2016 – 2019, il divieto di distribuzione è continuativo dal 1 novembre al 31 di gennaio e perdura nel mese di febbraio fino alla data di raggiungimento dell’ultimo giorno di divieto definito per la zona pedoclimatica di appartenenza.

Restano esclusi dalle disposizioni del bollettino: le deiezioni degli avicunicoli essiccate con processo rapido a tenori di sostanza secca superiore al 65%; il letame bovino, bufalino, ovicaprino ed equino quando impiegato su pascoli e prati permanenti o avvicendati, per i quali permane il divieto dal 15 dicembre al 15 gennaio. Resta il divieto di utilizzazione agronomica dei fertilizzanti sui terreni gelati, innevati, con falda acquifera affiorante, con frane in atto e su terreni saturi d’acqua, nei giorni di pioggia e nei giorni immediatamente successivi, al fine di evitare il costipamento del terreno e la percolazione di sostanze nocive in falda. E’ possibile ricevere il Bollettino Nitrati direttamente tramite e-mail, iscrivendosi alla voce “Newsletter Bollettino Nitrati” sul sito web di ERSAF. Clicca QUI. 

 

Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI