APPROVATA LA CONDIZIONALITA’ LOMBARDA

Vi presentiamo i contenuti della delibera di giunta con le regole valide per l'anno

Con Delibera di Giunta n. X/6480 del 10 aprile 2017 (pubblicata sul BURL n. 15 del 13 aprile 2017 – Serie Ordinaria), la Regione Lombardia ha approvato le regole di condizionalità valide per l’anno 2017. La “Condizionalità”, è un insieme di norme per la gestione dell’azienda agricola che gli agricoltori devono seguire, pena la riduzione e/o l’annullamento degli aiuti comunitari per i regimi di contributo sotto elencati. Tale normativa impone il rispetto di alcune condizioni in materia di protezione ambientale, sanità pubblica, biodiversità, salute delle piante e degli animali e benessere degli animali indicate come criteri di gestione obbligatori (CGO), che discendono da regolamenti e direttive comunitarie, e regole per l’uso sostenibile dei terreni agricoli e la protezione delle acque, denominate buone condizioni agronomiche e ambientali (BCAA). In particolare la condizionalità, con le relative sanzioni, si applica in Lombardia ai beneficiari di:

– pagamenti diretti di cui al regolamento (UE) n. 1307/2013 (domanda unica);

– premi annuali previsti dall’articolo 21, paragrafo 1, lettere a) e b), del regolamento (UE) n. 1305/2013 (misura 8.2 – PSR 2014-2020);

– premi annuali previsti dagli articoli da 28 a 31 del regolamento (UE) n. 1305/2013 (misure 10,11,12,13 PSR 2014-2020);

– premi annuali previsti dall’articolo 36 lettera a) punto iv) “Pagamenti agroambientali” del regolamento CE n. 1698/2005 (misura 214 – PSR 2017-2013);

– premi annuali previsti dall’articolo 36 lettera b) punto i) “Imboschimento di terreni agricoli” del regolamento CE n. 1698/2005 (misura 221 – PSR 2017-2013);

– pagamenti nell’ambito dei programmi di sostegno per la ristrutturazione e la riconversione dei vigneti e per la vendemmia verde e dei pagamenti dei premi di estirpazione ai sensi degli articoli 85 unvicies, 103 septvicies del regolamento CE n. 1234/07 del Consiglio e s.m.i. e ai sensi degli articoli 46 e 47 del regolamento (UE) n. 1308/2013 (PRRV e vendemmia verde).

Le sanzioni di condizionalità non si applicano invece ai piccoli agricoltori di cui al titolo V del Regolamento (UE) n. 1307/2013 e a coloro che beneficiano del sostegno di cui all’articolo 28, paragrafo 9, del Regolamento (UE) n. 1305/2013 (Misura 10.2.01 “Conservazione della biodiversità animale e vegetale” – PSR 2014 -2020). I principali aggiornamenti degli impegni di condizionalità rispetto al 2016 riguardano fra gli altri la direttiva nitrati, l’introduzione di fasce tampone lungo i corsi d’acqua, il rispetto delle procedure di autorizzazione quando l’utilizzo delle acque a fini di irrigazione è soggetto ad autorizzazione, la copertura minima del suolo, il mantenimento degli elementi caratteristici del paesaggio, la conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche l’identificazione e registrazione dei suini, dei bovini, degli ovini e dei caprini, l’abilitazione all’acquisto e all’utilizzo dei prodotti fitosanitari. (Fonte: Cia Lombardia)

Categorie
Norme e tributi
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI