QUEI SEI MESI CHE “SALVANO” IL BASMATI

Il documento di lavoro della Commissione sul LMR analizzato dalla Commissione agricoltura dell'Europarlamento

Il Parlamento europeo, secondo i verbali della Commissione agricoltura, ha deciso di non opporsi all’adozione di una serie di regolamenti della Commissione che modificano gli allegati II, III e V del regolamento 396/2005, il quale riguarda i livelli massimi di residui (LMR) per una serie di sostanze attive tra cui il triciclazolo. Il regolamento 396/2005 stabilisce i LMR consentiti nei prodotti di origine animale o vegetale destinati al consumo umano o animale. 

Questi LMR comprendono, da un lato, livelli specifici per determinati alimenti destinati al consumo umano o animale e, dall’altro, un limite generale applicabile qualora non sia stato fissato alcun livello specifico. Le domande di LMR sono comunicate all’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) che rilascia un parere scientifico su ciascun nuovo LMR previsto. Sulla base dell’opinione dell’EFSA, la Commissione propone un regolamento per stabilire un nuovo LMR o modificare o rimuovere un LMR esistente e modificare di conseguenza gli allegati del regolamento 396/2005. 

Secondo la proposta messa a punto dalla Commissione (SCARICA IL DOCUMENTO) poiché per il triciclazolo sono state revocate tutte le autorizzazioni esistenti e s’impone la necessità di eliminare il LMR per il riso, stabilito per questa sostanza nell’allegato III in conformità all’articolo 17 del regolamento (CE) n. 396/2005 in combinato disposto con l’articolo 14, paragrafo 1, lettera a), il nuovo LMR dovrebbe essere fissato al LOD (limite di rilevabilità), conformemente all’articolo 18 del regolamento (CE) No 396/2005. La Commissione ha consultato il laboratorio di riferimento dell’Unione europea per quanto riguarda la necessità di adattare alcuni LOD. Questi laboratori hanno concluso che per alcune merci lo sviluppo tecnico consente di impostare i LOD più bassi. Occorre pertanto modificare il regolamento (CE) n. 396/2005 e tenuto conto della lunga durata del riso, il regolamento che dovrà definire tale nuovo LMR – ammettono in Europa – dovrà prevedere una transizione per  il riso coltivato nel 2016 o anni precedenti, onde consentire il normale commercio, trasformazione e consumo di riso. Tuttavia, tenendo conto delle incertezze riguardanti determinate proprietà del triciclazolo, le norme previste in questo regolamento non consentono alcun trattamento con triciclazolo nel 2017 o successivamente. Al fine di applicare lo stesso approccio al riso Basmati, considerando che subisce una specifica procedura di “maturazione” prima di poter essere commercializzato, a tale riso, se coltivato nel 2016 o prima, verrà concesso un ulteriore periodo di 6 mesi prima dell’applicazione del nuovo LMR. Nel documento europeo si parla sempre di “riso” e s’intende pertanto il riso lavorato, per il quale varrà il nuovo LMR, ma l’industria risiera ha già fatto sapere che accetterà solo partite di risone che rispettino tale nuovo LMR.

Categorie
Internazionale
Avvertenza importante
ATTENZIONE! Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda inoltre di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che figurano nell'etichetta ministeriale. Prima di utilizzare qualunque tipo di prodotto, accertatevi che sia autorizzato all'uso nel vostro Paese e ricordate che l'unico responsabile del corretto uso dei prodotti e servizi è l'utilizzatore finale, che è tenuto ad attenersi alle indicazioni d'uso riportate sui prodotti e servizi stessi. Le informazioni riportate su questo sito in relazione a qualsiasi prodotto o servizio hanno puramente valore divulgativo e non rappresentano in alcun modo un invito all'acquisto.

ARTICOLI CORRELATI